Anche Mosca, dopo Kiev, ha chiesto alla Francia l’estradizione del dissidente kazako Mukhtar Ablyazov. La notizia è resa nota dal vice procuratore russo. 

”Abbiamo inviato una richiesta di estradizione al ministero della giustizia francese di questo per così dire ‘imprenditore’ per processarlo con l’accusa di frode, riciclaggio e altri reati”, ha spiegato il viceprocuratore generale, Aleksander Zviaghintsev, al quotidiano Rossiskaya Gazeta, organo del governo. L’inchiesta russa ruota intorno alla presunta sottrazione di oltre 5 miliardi di dollari della banca kazaka Bta. Tuttavia, Francia e Kazakhstan non hanno un trattato di estradizione, e anche per la Russia potrebbero esserci ostacoli di tipo procedurale. L’Ucraina, quindi, resta la destinazione più probabile, secondo Ria Novosti. Arrestato il 31 luglio vicino a Cannes, Ablyazov è al centro di varie inchieste legate alla banca Bta, oggetto di una presunta frode di 12 miliardi di dollari.