Falso in atti pubblici, truffa ai danni dello Stato, inquinamento ambientale: sono i reati principali contestati a Guido Bertolaso e ad altri 16 indagati – tra cui Angelo Balducci – per i lavori di bonifica mai realizzati a La Maddalena in occasione del G8 del 2009, poi trasferito a L’Aquila. Come riporta oggi La Nuova Sardegna, l’inchiesta della Procura di Tempio Pausania sulle mancate bonifiche dell’area marina davanti all’ex arsenale militare sono state appena completate e il pm Riccardo Rossi ha inviato gli avvisi di concluse indagini a 17 persone. Tra queste, appunto, l’ex capo della Protezione civile e l’ex presidente del consiglio superiore dei lavori pubblici.

Gli altri indagati per il lotto numero 7, quello che prevedeva la bonifica di uno specchio di mare ampio 60mila metri e costato oltre sette milioni di euro – secondo quanto riferisce il quotidiano sardo – sarebbero, tra gli altri, l’ex capo della struttura di missione per il G8 Mauro Della Giovanpaola, il direttore dei lavori Luigi Minenza, l’ingegnere e direttore operativo Riccardo Miccichè, il responsabile unico del procedimento Ferdinando Fonti, i due dirigenti della Cidonio Spa, Marco Rinaldi e Matteo Canu, il provveditore per le opere pubbliche, Patrizio Cuccioletta.

Stando alle indagini portate avanti per oltre due anni dai carabinieri del Noe di Sassari, Guardia costiera e Arpa Sardegna, con la consulenza di un pool di esperti in inquinamento ambientale, i 17 indagati non avrebbero riqualificato l’area anzi avrebbero ampliato l’inquinamento in aree sino ad allora pulite, come ad esempio con la distruzione del “molo Carbone”, che ha visto la demolizione del manufatto, i cui detriti sono stati lasciati sul fondo del mare.