Mentre in Italia si discute e dall’Unione europea fioccano sanzioni, sono decine i Paesi nel mondo che hanno già varato provvedimenti su unioni e adozioni per omosessuali e coppie gay. Ecco la lista:

Olanda – Nel 2001 è stato il primo paese a approvare un legge sul matrimonio civile per le coppie gay con identici diritti e doveri delle coppie etero, tra cui l’adozione.

Belgio – Il matrimonio gay è in vigore dal 2003, mentre il via libera alle adozioni è arrivato nel 2006.

FranciaIl 29 maggio 2013 è stato celebrato a Montpellier il primo matrimonio a norma della legge che regola anche le adozioni approvata dal senato l’11 aprile.

Regno Unito – La camera dei Lord ha approvato il 4 giugno il disegno di legge sul “same sex marriage” già licenziato dalla Camera dei comuni il 21 maggio 2013. Al via libera definitivo mancano una terza lettura da parte dei Lord e il “sigillo reale” di Elizabeth Windsor.

Irlanda – Riconosce le unioni civili.

Germania – Già riconosciute le unioni civili, il parlamento è in procinto di legiferare in materia di e adozioni.

Spagna – Le nozze sono legali da luglio 2005 e le coppie gay, sposate o no, possono adottare bambini.

Portogallo – Una legge del 2010 ha abolito il riferimento a “sesso diverso” nella definizione di matrimonio. E’ invece esclusa la possibilità di adottare.

Danimarca – Primo paese al mondo ad aver autorizzato le unioni civili tra omosessuali nel 1989, dal giugno 2012 la Danimarca ha autorizzato le coppie gay a sposarsi davanti alla Chiesa luterana di stato.

Norvegia – Da gennaio 2009 omosessuali e eterosessuali sono equiparati davanti alla legge in materia di matrimonio, adozione e procreazione medicalmente assistita.

Svezia – Le coppie gay possono sposarsi con matrimonio civile o religioso da maggio 2009; mentre l’adozione era già legale dal 2003.

Islanda – Le nozze gay sono legalizzate dal 2010; le adozioni dal 2006.

Finlandia – Sono riconosciute le unioni civili.

Repubblica ceca – Sono riconosciute le unioni civili.

Svizzera – Sono riconosciute le unioni civili.

Argentina – Il 15 luglio 2010 l’Argentina è diventato il primo paese latinoamericano a autorizzare il matrimonio gay e le adozioni da parte di omosessuali.

Uruguay – L’11 aprile 2013 è diventato il secondo paese latinoamericano a permettere le nozze tra omosessuali.

Brasile – La Corte suprema di giustizia ha da poco esteso il matrimonio gay a tutto il paese mentre in precedenza era legale soltanto in alcuni stati.

Colombia – Riconosce le unioni civili.

Messico – Le nozze gay sono possibili sono nella capitale, Città del Messico.

Sudafrica – Nel novembre 2006 il Sudafrica è diventato il primo paese del continente africano a legalizzare le unioni gay attraverso la formula del “matrimonio” o “partenariato civile”. Le coppie possono anche adottare.

Canada – La legge sul matrimonio gay è del luglio 2005.

Stati Uniti – Coi sì di Delaware, Rhodes Island e Minnesota arrivati nel corso del 2013 salgono a 12 gli Stati dove le nozze omosessuali sono riconosciute, così come nella capitale, Washington Dc.

Nuova Zelanda – Il 17 aprile 2013 il parlamento ha approvato la legge sui matrimoni gay, diventando il primo paese dell’area Asia–Pacifico a legalizzarli. La legge apre la strada anche alle adozioni.