Skip to content


Sei in: Il Fatto Quotidiano > Politica & Palazzo > Governo Letta, ...

Governo Letta, Grillo: “Enrico e Gianni sono un’unica famiglia”

Sul suo blog il leader del Movimento 5 stelle da un parte propone ricette per far uscire dalla crisi le piccole e medie imprese, dall'altra denuncia "l'inciucio", giunto al suo apice con l'incarico a premier conferito al nipote di Gianni Letta con la benedizione di Giorgio Napolitano

Blog Grillo su Letta

“O si aiutano le piccole e medie imprese o si muore”. “I Letta sono tutta una famiglia”. Con due post sul suo blog Beppe Grillo torna a suonare due tasti a lui cari: da un parte la richiesta di aiuto per le Pmi, dall’altra la denuncia del cosiddetto “inciucio“, giunto al suo apice con l’incarico a Enrico Letta (Pd), nipote di Gianni Letta (Pdl) a premier con la benedizione di Giorgio Napolitano.

Sulla crisi economica il leader del M5S ribadisce quanto detto ieri al tabloid tedesco Bild: “A Roma si stanno dividendo le ossa e le poltrone della Seconda Repubblica – scrive Grillo – Nel frattempo l’economia non aspetta. Ogni minuto chiude un’impresa. Questo autunno potremmo raggiungere il punto di non ritorno”. Ecco allora la ricetta economica del Movimento: abolizione dell’Irap, pagamento dell’Iva solo a incasso avvenuto, sblocco immediato dei circa 120 miliardi di euro dovuti dallo Stato e dagli Enti alle imprese. Tre misure che il M5S presenterà in Parlamento e che “vanno approvate subito”, perché “non abbiamo più tempo”.

A complicare però la situazione, l’incarico, arrivato nel primo pomeriggio di Enrico Letta come premier scelto da Giorgio Napolitano dopo le consultazioni lampo dei principali partiti. Un accordo che il Movimento 5 stelle ha bollato subito come “inciucio” tra Pd, Pdl e Scelta civica. E per dimostrare l’assioma, Grillo recupera quello che lui stesso definisce un “post d’annata” perché pubblicato il 13 luglio 2012. 

Si vede Enrico Letta alla Festa dell’Unità il 6 luglio 2012 quando, in qualità di vice segretario del Partito democratico diceva: “Preferisco che i voti vadano al Pdl (quindi a suo zio Gianni Letta, braccio destro di Silvio Berlusconi, ndr) piuttosto che disperdersi verso Grillo”. Concetto che poi ribadiva anche in un’intervista al Corriere della Sera. 


Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread. Ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7 e che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500. E' necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic. Per alcuni giorni, a causa di ragioni tecniche, tutti commenti andranno in pre moderazione. Inoltre, chi posterà più volte lo stesso commento (anche se con parole diverse) verrà segnalato. Ti avvisiamo che verranno pubblicati solo i commenti provenienti da utenti registrati. La Redazione