Antonio Di Pietro ci riprova. Nonostante la sconfitta elettorale con Rivoluzione civile, l’ex pm non abbandona la politica, ma anzi rilancia il progetto dell’Italia dei valori annunciando di considerare definitivamente chiusa l’esperienza con Antonio Ingroia che, proprio per oggi aveva annunciato la decisione sul suo ritorno in magistratura. Di Pietro chiede nuovamente l’alleanza con il centrosinistra abbandonato durante l’esperienza del governo tecnico di Mario Monti e convoca il congresso straordinario dell’Idv per togliere il suo nome dal simbolo del partito ed eleggere un nuovo segretario dopo le dimissioni “irrevocabili” da lui presentate il 26 febbraio scorso, al termine di una giornata elettorale che aveva visto fermarsi Rivoluzione civile al 2,2% dei voti alla Camera e all’1,8% al Senato

Nella sua prima apparizione alla Camera dopo le elezioni politiche, Di Pietro ha annunciato: “Ho detto al mio amico Ingroia, che abbraccio, che l’esperienza di Rivoluzione civile non è ripetibile, noi la dichiariamo conclusa e riprendiamo il cammino”.  Al tempo stesso viene “proposto al centrosinistra un cammino comune, un percorso politico a partire dalle prossime amministrative di maggio, che si terranno in 800 comuni”. Sarà una “alleanza di coalizione a partire dal Comune di Roma, con l’obiettivo di arrivare insieme alla prossima tornata elettorale” nazionale, ha proseguito Di Pietro.

Risponde con una nota il leader di Rc Antonio Ingroia: ”La straordinaria esperienza di Rivoluzione civile è appena cominciata, il nostro movimento è una realtà destinata a crescere ogni giorno”. Secondo l’ex pm “si è chiusa una fase del movimento, quella nata in forma federativa tra entità e partiti diversi: ora inizia l’attività fondativa nel quale sarà ben accolto il contributo di chi è stato al nostro fianco e vuole continuare a farlo, purché lo faccia da rivoluzionario e senza le bandiere di partito”. A Di Pietro e “a quanti ritornano sui propri passi“, Ingroia riserva “un abbraccio e un augurio di buon proseguimento”.

L’ex pm di Mani pulite intanto annuncia un congresso straordinario che si terrà “dal 28 al 30 giugno attraverso un preventivo tesseramento e avrà luogo fino al 25 maggio”. Soprattutto – dice Di Pietro – bisogna passare “attraverso il superamento della personalizzazione del partito”. Ragione per cui “il mio nome verrà rimosso dal simbolo dell’Italia dei valori, mentre resterà il gabbiano“. Dal congresso verrà fuori il nome di un “segretario politico”, mentre lo stesso Di Pietro, che si presenterà come presidente dimissionario, fa sapere che non intende concorrere alla carica di vertice, “pur restando il mio impegno”.