Il gip del Tribunale di Taranto Patrizia Todisco ha rigettato la richiesta dell’Ilva di revocare il sequestro preventivo dei prodotti finiti e semilavorati che, secondo l’azienda, servirebbero a pagare gli stipendi e alle opere di ambientalizzazione previste dall’Aia. Secondo Nichi Vendola, il presidente della Regione Puglia, “lo Stato deve agire per conto suo, in modo indipendente dalla magistratura” per risolvere i problemi dell’Ilva. “Mentre si mettono in cantiere le opere di riqualificazione del siderurgico – spiega il leader di Sel – dobbiamo garantire gli ammortizzatori sociali ai lavoratori di Taranto“. Esistono risorse sufficienti per garantire la cassa integrazione agli operai dell’Ilva? “Bisogna chiederlo al governo – risponde Vendola – io, da governatore della Puglia, finora ho alzato la voce”  di Tommaso Rodano