Due settimane fa era “Run Mario run”, più che un endorsement un esplicito invito a candidarsi. Ma ora anche l’Economist scarica il professore e lo dà come perdente. La critica è a largo raggio. In un articolo intitolato Le chance di Monti il settimanale inglese britannicamente massacra le scelte del premier uscente che da tecnico si è fatto ufficialmente politico. Le possibilità di tornare a capo del governo si allontanano per colpa della strategia con cui Monti ha scelto di ‘salire’ in politica.

Prima cosa a non convincere è la scelta di presentare una lista unica al Senato e più liste alla Camera. Il magheggio elettorale voluto da Casini e dalle liste che vogliono contarsi non convince gli inglesi. ‘Un pasticcio’, lo definiscono. Questi machiavellismi non sono molto comprensibili sulle rive del Tamigi, dove le candidature e le posizioni sono sempre nette e chiare. Ci si scanna, ci si attacca, anche frontalmente, ma tutto secondo una logica e una linea politica chiara.

Si combatte per vincere, non certo per non perdere e poter comunque essere un ago della bilancia. Quindi, se solo quindici giorni fa l’Economist invitava Monti a candidarsi alla guida dell’Italia, “facendosi avanti, se ama il suo paese, per invitare altri centristi ad unirsi a lui. Una rara opportunità per cambiare le cose”, oggi il tono è tutt’altro.

Non piace neppure il fatto che non si sia candidato direttamente, perché come senatore a vita, è già membro del Parlamento. Scrivono “è difficile credere che non sarebbe stato possibile per lui trovare un modo di dimettersi, se a quanto pare ha intenzione di prendere parte alla campagna elettorale”. E qui arriva la stangata finale: “Sarà vulnerabile all’accusa di volere i voti di un elettorato al cui giudizio non è disposto a presentarsi personalmente”. Secondo l’Economist dovrebbe invece impegnarsi in prima persona e far valere i suoi meriti personali, invece di presentarsi con dei partiti che non sono poi così popolari.

Il Fatto Quotidiano, 2 Gennaio 2012