marcha zapatistiIn silenzio, sotto la pioggia, in colonne ordinate, migliaia di zapatisti sono scesi dalle loro comunità nelle montagne del sudest messicano del Chiapas e hanno “occupato” pacificamente le strade di San Cristobal de las Casas, Ocosingo e Las Margaritas.

Marciando con in mano la bandiera dell’Ezln (nera con una stella rossa) e la bandiera messicana, sono tornati ad appropriarsi delle strade. Proprio come avevano fatto il 1° gennaio del 1994, ma stavolta senza armi, nemmeno di legno, come le avevano quel giorno.

L’atto simbolico è durato poche ore, nel giorno in cui dappertutto si aspettava, senza alcuna ragione, la fine del mondo, i discendenti dei Maya hanno approfittato della fine del trdicesimo bak’tun per tornare a manifestarsi.

Dopo anni di silenzio l’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale torna a far parlare di sé. Lo fa non per celebrare la “fine del mondo”, ma per ricordare il massacro di Acteal, avvenuto 15 anni fa, il 22 dicembre 1997, ad opera di un gruppo paramilitare appoggiato dallo Stato messicano.

Quel 22 dicembre circa 100 uomini armati attaccarono e assassinarono quarantacinque persone, indigeni tzotziles, tra i quali diciotto bambini e ventidue donne, che facevano parte del gruppo zapatista “las Abejas”, mentre pregavano in una piccola cappella nella comunità di Acteal, in Chiapas.

A tutt’oggi quel massacro non ha colpevoli, anche se il 30 gennaio del 2008 la Comisión Civil Internacional de Observacion por los Derechos Humanos (CCIODH) ha segnalato che esiste una chiara responsabilità dello Stato messicano per il massacro.

Forse è per questo motivo che l’allora presidente della repubblica, Ernesto Zedillo, è stato accusato di essere il mandante politico dell’eccidio. Oggi Zedillo risiede negli Stati Uniti, dove da settembre scorso ha ottenuto l’immunità diplomatica proprio per non subire un processo per il massacro di Acteal in territorio statunitense.

Le strade delle tre città che erano state occupate nel 1994 si sono riempite di più di 20mila persone in passamontagna che hanno marciato in silenzio, ordinatamente, pacificamente.

In coincidenza con l’inizio di una nuova era e a poche settimane dal ritorno al potere del Partido Revolucionario Institucional (PRI) hanno manifestato la loro presenza, la loro lotta, la loro capacità organizzativa, senza pronunciare una sola parola.

Si attende comunque un comunicato ufficiale del Comité Clandestino Revolucionario Indígena – Comandancia General dell’Ezln, organo ufficiale degli zapatisti.

Nel frattempo il Messico si è accorto della nuova generazione di zapatisti, quelli nati e cresciuti nelle comunità autonome che si sono sollevate quasi 20 anni fa. Già sensibilizzati, scolarizzati nei centri educativi comunitari, riportano di attualità le istanze che non sono ancora state risolte, in un momento in cui il popolo del Messico vive abusi e violenze di ogni genere.

In serata è stato diffuso il comunicato firmato dal Subcomandante Insurgente Marcos. Dice così.

Comunicato del Comité Clandestino Revolucionario Indigena – Comandancia General del Ejercito Zapatista de Liberación Nacional 
Messico
21 dicembre 2012
A chi corrisponda:
AVETE SENTITO?
è il suono del vostro mondo che cade a pezzi
è quello del nostro che risorge
il giorno che è stato il giorno, era notte
e notte sarà il giorno che sarà  il giorno
democrazia!

libertà!
giustizia!