Spassoso show tenuto da Roberto Benigni in occasione del suo ritorno in Rai per celebrare la Costituzione Italiana in un monologo dal titolo “La più bella del mondo”. Nello spettacolo, che si è tenuto al Teatro 5 di Cinecittà, appena ristrutturato dopo il recente incendio, il comico toscano ha esordito dedicando il suo tributo satirico alla “discesa in campo” di  Berlusconi. “L’italia sta passando un periodo difficile” – ha affermato Benigni – “Tra poco è Natale ma a dicembre abbiamo avuto due notizie catastrofiche: una è che tra quattro giorni è prevista la fine del mondo, ma vabbè. L’altra, davvero terrificante” – ha continuato – “è che tutti gli Italiani vogliono andare in pensione ma ce n’è uno che ci potrebbe andare e non c’è verso di mandarcelo. S’è ripresentato, Signore pietà!”. L’attore ha poi descritto la surreale intervista rilasciata dall’ex premier a Barbara D’Urso: “Prima di lui c’era una famosa pornostar e lo zio del delitto di Avetrana. Sta cercando di mettere insieme i moderati“. Benigni ha anche analizzato il mirabolante passaggio di Berlusconi “dalle primarie al primario”. E, prima di addentrarsi nella spiegazione della nostra Costituzione, ha recitato un divertente racconto sulla situazione politica italiana nel Medioevo e sulle sue incredibili somiglianze con quella contemporanea