Dopo il primo scontro all’altezza di Ponte Sisto a Roma, il corteo si sparpaglia e alcuni manifestanti si riparano nelle vie adiacenti al Lungo Tevere. Le forze dell’ordine arretrando scoprono l’assembramento e, una volta capito che gli attivisti erano senza via di fuga, ordinano la carica  di Lorenzo Galeazzi