Meta dei seggi scrutinati in e Maurizio Lupi rilascia un primo commento sul voto in Sicilia: “Innanzitutto il 53% dei cittadini che non vanno a votare in una grande regione, dove la partecipazione c’è sempre stata è certamente un grande segnale a tutti noi”. Nell’astensione così elevata lupi ci vede grande parte del tradizionale elettorato del PdL: “Perché il nostro elettorato è deluso, non si sposta, non va a votare, però vuole vedere fatti, una scossa da parte dei moderati, che poi si sono presentati divisi e questo ha inciso”. M5S, Lupi si dice sorpreso dell’exploit del  movimento di Beppe Grillo: “Grillo è il primo partito e non mi aspettavo un affermazione del genere al sud”. La Sconfitta di Musimeci è la sconfitta di Alfano? Per il vicepresidente della Camera “No, io credo che in Sicilia ci sia stato un miracolo: fare una campagna elettorale con un simbolo del PdL che ogni giorno era bombardato, che si diceva che a livello nazionale che non c’era – spiega Lupi – credo che sia riduttivo dire che la sconfitta in Sicilia sia la sconfitta di Alfano. Tutti noi ci siamo giocati molto con questa elezione, vediamo, aspettiamo alla fine i dati e tireremo le somme”. Dimissioni? “Io dico che Alfano deve rilanciare ancora di più” di Manolo Lanaro