Berlusconi dal punto di vista della comunicazione sconsiglia di parlare molto perchè parlando molto aumenta il rischio del ‘misunderstanding'”. Lo ha dichiarato il segretario del Pdl, Angelino Alfano, durante un’intervista rilasciata a “Uno Mattina Estate”, su Rai Uno. “Quando lui era Presidente del Consiglio” – precisa il deputato – “non vi era un florilegio di sue dichiarazioni e non vi era una sua occupazione dei talk show, dei contenitori televisivi. Sono state davvero poche le apparizioni di Berlusconi nei classici ‘contenitori d’inverno'”, nei vari ‘Porta a Porta’, ‘Ballarò’…pochissime”. Commentando poi l’intervista del premier Monti al ”Wall Street Journal” e la conseguente polemica con Berlusconi, Alfano afferma: “Le sue parole ci sono apparse un po’ infelici. Il presidente Monti però ha chiamato il presidente Berlusconi, rammaricandosi ed esprimendo il proprio dispiacere. Alcuni giornali hanno giustamente parlato di ‘scuse'” – continua – “Per noi il caso è chiuso, anche perchè siamo gente positiva, non ci soffermiamo su una battuta detta a un giornale straniero, badiamo alla sostanza delle cose, che sta nel tentare di dare rimedio a questa crisi economica”