Antonio Di Pietro stronca così la proposta di Alfano, Bersani e Casini sulla trasparenza del finanziamento ai partiti: “E’ solo acqua calda, non ci sono tagli al costo della politica”. Il leader Idv, in conferenza stampa a Montecitorio, propone di destinare agli esodati l’ultima rata, da 100 milioni di euro, dei rimborsi elettorali (guarda il vox di Piero Ricca). La trasparenza dei bilanci, invece, “deve essere affidata alla Corte dei conti”. Di Pietro poi  non lesina critiche al provvedimento anti-corruzione proposto dal ministro della Giustizia Paola Severino: “E’ assurdo e insufficiente. Mani pulite iniziò grazie alle inchieste sul falso in bilancio, il ministro ripristini questo reato, altrimenti è l’ennesima presa in giro” di Paolo Dimalio