Edf è colpevole di spionaggio informatico ai danni di Greenpeace. Il colosso energetico (e soprattutto nucleare) francese, per di più un gruppo pubblico (controllato dallo Stato per oltre l’80% del capitale), avrebbe fatto ricorso a un sottobosco di ex agenti segreti e hacker per scoprire cosa l’organizzazione ambientalista stava studiando per protestare contro il suo progetto di un nuovo impianto nucleare a Flamanville, in Normandia. Quell’Epr, reattore di terza generazione, ora in costruzione (anche Enel fa parte della partita) lì, davanti al mare. Lo stesso costosissimo modello che i francesi volevano vendere all’Italia quando ancora Berlusconi e Nicolas Sarkozy erano molto amici.

La condanna di Edf è giunta oggi in primo grado da parte dei giudici della procura di Nanterre, alle porte di Parigi. Prevede il pagamento di una multa di un milione e mezzo di euro da parte dell’azienda. E soprattutto due ex alti dirigenti del servizio di sicurezza interno di Edf, Pierre-Paul François e Pascal Durieux, sono stati condannati rispettivamente a sei mesi e a un anno di reclusione. I reati contestati sono spionaggio informatico ai danni di Greenpeace e ricettazione di documenti confidenziali rubati. Edf, in realtà, si difende accusando a sua volta la società alla quale si era affidata per l’operazione. Che sarebbe andata oltre le istruzioni impartite. Che avrebbe esagerato. Il gruppo francese ha già deciso di ricorrere in appello alla sentenza di oggi.

I fatti risalgono al 2006. François è un ex poliziotto e Durieux addirittura un ex contrammiraglio. Vogliono capire le intenzioni di Greenpeace sul discusso progetto di Flamanville, il nuovo Epr, lì dove già esiste una potente centrale nucleare. Ricorrono a Kargus Consultants, una società di intelligence economica, come ce ne sono sempre più a Parigi. E’ diretta da Therry Lohro, ex paracadutista, passato attraverso i servizi segreti, che fa affidamento, per i lavoretti più delicati, a Alain Quiros, informatico con un talento particolare, hacker autodidatta, localizzato in Marocco. Sono loro che riescono a inserirsi nel computer di Yannick Jadot, allora dirigente di Greenpeace e oggi portavoce di Eva Joly, la candidata dei Verdi alle presidenziali del 2012.

Oggi i giudici di Nanterre hanno anche condannato a un anno di prigione con la condizionale il ciclista americano Floys Landis: aveva pagato la stessa Kargus per accedere a dossier segreti nel Laboratorio nazionale di depistaggio del doping (Lndd). Durante il processo il procuratore della Repubblica Benjamin Branchet ha fatto una requisitoria durissima contro il sottobosco dell’intelligence economica. “Vi rendete conto: una società come Edf, famosa in tutto il mondo e di cui la Francia si inorgoglisce, tollera e addirittura incoraggia il ricorso a pratiche di questo tipo – aveva affermato in aula -. Com’è possibile che, in questo contesto, i cittadini conservino una totale fiducia negli alti dirigenti privati e pubblici, che a loro volta esigono da loro rispetto delle regole finanziarie e sacrifici?”. Da sottolineare: l’”alto dirigente”, l’amministratore delegato, di Edf è Henri Proglio. Cioè uno dei manager più vicini da sempre alla destra e a Sarkozy.