Benissimo, è stato molto importante l’incontro di ieri a Vasto tra Bersani, Vendola e Di Pietro. Si è parlato di punti in comune e dell’idea di rilanciare una vera alternativa al centrodestra grazie ad un percorso (altro che “road map”, ma come parlate…)  che, da qui a cento giorni, porti a capire le priorità del Paese.

Il tutto non può certo nascere da un’unione artificiosa e non condivisa da chi auspica questa alleanza da molti mesi: gli elettori del centrosinistra. Per questo sarà importante un pieno coinvolgimento in questo processo di elaborazione di un progetto comune.

Quello di ieri è stato un incontro emozionante e pieno di speranze. I brividi lungo la schiena li abbiamo avuti solo quando Mentana ha tentato di partorire il nome, di questa futura alleanza: “Nuovo Ulivo”. A quel punto l’emozione ha lasciato spazio alla paura.

Certo, lo sappiamo bene che il nome sarà secondario rispetto ai contenuti e alle modalità. Ma se si comincia a chiamarlo così adesso, poi nessuno riuscirà mai più a scrollarselo di dosso. Non è possibile pensare a un nuovo progetto con un nome del passato e con così poco appeal.

Ecco quindi che possiamo dare il nostro piccolo contributo: postate nei commenti l’idea per un nome diverso. So bene che l’immensa intelligenza collettiva che si trova in rete può fare il miracolo: trovare un nome che sia evocativo, emozionante e… vincente.