Come previsto il momento più caldo della giornata è stato registrato a in terra parmigiana. A poche centinaia di metri dall’arrivo della tappa alcuni esponenti locali di Rifondazione Comunista e dei movimenti anarchici, si sono dati appuntamento per bloccare la corsa padana. Ci sono stati attimi di tensione quando un gruppo di persone ha cercato di impedire il passaggio della carovana mettendosi di traverso alla strada. Alcuni cicloamatori (sostenitori della causa sportiva leghista), hanno ingaggiato una accesa scaramuccia con i manifestanti, scagliandosi contro di loro e inveendo contro le modalità della protesta. Sono volate parole pesanti e spintoni. Così le forze dell’ordine sono dovute intervenire non solo per liberare la strada e garantire il transito dei corridori, ma anche per separare i due gruppi di litiganti. In una delle fasi concitate della contestazione un carabiniere è finito a terra, senza tuttavia riportare conseguenze  di Alessandro Madron