E’ Ferragosto ma sembra Venerdì Santo. Il Tg di Uno apre la settimana con mistiche visioni della Madonna di Medjugorje e la chiude con un collegamento in diretta da Madrid dove ci sono suore che fanno la “ola” e un Cristo che viene inchiodato alla decima stazione della Via Crucis. La settimana non era andata meglio con le borse in picchiata, il cuore del miglior Presidente del Consiglio degli ultimi 150 anni che gronda sangue, giornalisti del partito dell’amore che si azzuffano  (Direttorissimo vs. Francesco Giorgino e Sallusti vs. Belpietro) e un Bossi che si ammoscia proprio tra la sua gente.

Eppure Ada De Santis aveva provato a tirarci su il morale con il suo servizio pop “bon ton sotto l’ombrellone”. Le spiagge sono frequentate da maleducati e “in vacanza c’e’ chi manda in ferie anche l’educazione, ma si puo’ sempre cambiare“.

Ecco allora il decalogo da tre regole dell’educazione da spiaggia:
1. Si’ al castello, ma attenzione a non occupare mezza battigia.
2. Se il bimbo ha scavato una buca, finito di giocare, e’ mejo ricoprirla.
3. Cicche di sigarette,cartacce e bottiglie, il mare non e’ una pattumiera.
A meta’ settimana, non ancora identificato, c’e’ un automobilista che se ne va a spasso con una bara. Lucia Cappelletti copia da youtube un filmato e si domanda se sia “una trovata pubblicitaria, una scommessa persa o la voglia di attirare l’attenzione”. Il giorno dopo il Tg di Uno intervista l’automobilista: si trattava di un voto di natura religiosa.

A Genova, nel frattempo, i pappagalli amazzonici invadono le vie del centro e Alessandra Farina intervista sul tema pennuti  una distinta signora (“se sentisse come parlano!”) e un distinto signore (“li vedo viaggiare intorno al palazzo”). Trattasi di “parrocchetti dal collare che hanno soppiantato i pappagalli monaci“.

La settimana pop del tg piu’ divertente del pianeta si chiude a S. Stino di Livenza, in provincia di Venezia. Laura Boccalon ci racconta di campane impazzite a tutto volume e di una popolazione divisa tra campanari e non campanari. Purtroppo “ora il diavolo ci ha messo la coda: da qualche giorno le campane suonano quando vogliono, anche in piena notte”.
Diamo uno sguardo alle classifiche pop. Da notare il carattere di servizio del Tg di Uno che emerge in modo inequivocabile da memorabili reportage quali i consigli per bere acqua e per difendersi dai ladri, dal caldo, dal freddo, dai fulmini e dalle zanzare.
Tra i minzi caldi spunta anche una novita’ in anteprima mondiale: la chitarra di Jim Morrison a Fregene.

Minzoparade Anno II N. 29 (13–19 agosto 2011, Tg di Uno ore 20)
1. (1) I consigli per difendersi dai ladri: i malviventi entrano dalla porta New Entry! Guarda il servizio
2.(3) Di corsa sui tacchi a spillo Guarda il servizio (-1) (Tg di Uno ore 13:30)
3. (2) La tartaruga a rotelle (-1) Guarda il servizio
4. (1) Distrazioni in spiaggia: trovata una dentiera New Entry! Guarda il servizio
5. (4) I consigli per difendersi dai fulmini: sedetevi e accucciatevi (-2) Guarda il servizio
6. (7) I consigli per bere l’acqua (+3) Guarda il servizio
7. (6) I consigli per ammazzare le zanzare (-3) Guarda il servizio
8. (30) Come difendersi dal freddo: copritevi e non uscite di notte (-2) Guarda il servizio
9.(1) I consigli per fare sport d’estate: fatelo al fresco New Entry! Guarda il servizio
10.(17) Le patate alla lavastoviglie e la triposata (-) Guarda il servizio

Minzi Caldi (in ordine cronologico)
-Bon ton sotto l’ombrellone Guarda il servizio
-A Fregene torna la chitarra di Jim Morrison Guarda il servizio
-A spasso con la bara Guarda il servizio
-La statua controversa di Toto’ Guarda il servizio
-Le campane impazzite Guarda il servizio
-Genova, l’invasione dei pappagalli Guarda il servizio

La posta della Minzoparade
Norena
vota “di corsa sui tacchi a spillo” perche’ “nonostante i nuovi servizi pop siano encomiabili, questo possiede quel fondo inutile di volgarita’ berlusconiana esemplare”.
Brad ci ricorda che “i ladri non arrivano dalla porta, arrivano dal Parlamento” e Sunflower60 propone “al beato Minzolini un ulteriore servizio su come difendersi dai ladri ad Agosto, che non solo entrano dalle porte, scardinano le finestre, ma che mettono anche le mani nelle tasche degli italiani”.

Scuola Media Pilutzer
Francesca Oliva
minzobacchetta quei comunisti dell’Unita’ e i loro cugini cattocomunisti dell’Avvenire. Questi giornalisti rossi hanno la colpa di non aver commentato l’intervista di Concita De Gregorio all’ex-governatore del Lazio Marrazzo sui trans come “donne all’ennesima potenza”. Nata in risposta alla Minzoparade, la MinzoScuola Media va in onda ogni venerdi’ alle 13:30 ed  ha gia’  mollato ben 32 minzoscudisciate a Repubblica, Il Fatto Quotidiano e l’Unita‘, le tre testate nemiche della rivoluzione liberale.

Buoni
Il Giornale (3)
Tg di Uno (1)
Libero (1)
Il Corriere della Sera (1)
Corriere.it (1)
Piero Ostellino (1)
Vittorio Emanuele di Savoia (1)
Filippo Facci (1)
Alfonso Signorini (1)
Giampaolo Pansa (1)

Cattivi
La Repubblica (14)
Il Fatto Quotidiano (10)
L’Unità (8)
Massimo Giannini (3)
Il Secolo XIX (3)
La Stampa (3)
Il Corriere della Sera (3)
La stampa italiana (3)
Il Secolo d’Italia (2)
Il Mattino (2)
Annozero
(1)
Oggi (1)
I Giudici (1)
Agenzia Ansa (1)
Marco Travaglio (1)
Leoluca Orlando (1)
Eugenio Scalfari (1)
Roberto Saviano (1)
La stampa francese (1)
Concita De Gregorio (1)
Vito Mancuso (1)
Al Gore (1)
Avvenire (1)

Il Centro Studi Tg di Uno di Vancouver vi invita ora a votare (doppia preferenza) i reportage che più vi hanno inforallegrato utilizzando lo spazio per i commenti. La Minzoparade è anche su Facebook e Twitter. Il nostro indirizzo è minzoparade@gmail.com. Tutti i servizi pop del Tg più divertente del globo sono anche trasmessi dal Minzoparade Channel su YouTube, l’unico canale molto rieduchescionel.
Vi aspettiamo sabato prossimo: i servizi piu’ divertenti della corazzata dell’informazione RAI non sono ancora andati in onda.

A cura di Ernesto Salvi