”La scuola pubblica è nel cuore degli italiani. Da Berlusconi arriva uno schiaffo inaccettabile”. Così il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, ha replicato a Silvio Berlusconi che ieri ha attaccato le scuole dello Stato dove “gli insegnanti inculcano idee diverse da quelle che vengono trasmesse nelle famiglie”.

Secondo Bersani, ”con richiami di sapore antico Berlusconi se la prende con comunisti e gay, insultando così l’intelligenza e la coscienza civile del Paese. All’elenco, Berlusconi stavolta ha aggiunto gli insegnanti della scuola pubblica. Uno schiaffo inaccettabile a chi lavora con dedizione in condizioni rese sempre più difficili dal governo. La scuola pubblica – prosegue il segretario – è nel cuore degli italiani. E’ il luogo in cui l’Italia costruirà il suo futuro. Noi siamo con la scuola pubblica  e non permetteremo che Berlusconi la distrugga”.

Di frasi che sono state travisate parla oggi il premier: ”Come al solito anche le parole che ho pronunciato sulla scuola pubblica sono state travisate e rovesciate da una sinistra alla ricerca, pressoché ogni giorno e su ogni questione possibile, di polemiche infondate, strumentali e pretestuose”. Berlusconi ha poi sottolineato: “Il mio Governo ha avviato una profonda e storica riforma della scuola e dell’Università, proprio per restituire valore alla scuola pubblica e dignità a tutti gli insegnanti che svolgono un ruolo fondamentale nell’educazione dei nostri figli in cambio di stipendi ancora oggi assolutamente inadeguati. Questo non significa non poter ricordare e denunciare l’influenza deleteria che nella scuola pubblica hanno avuto e hanno ancora oggi culture politiche, ideologie e interpretazioni della storia che non rispettano la verità e al tempo stesso espropriano la famiglia dalla funzione naturale di partecipare all’educazione dei figli. Le mie parole, perciò non possono essere in alcun modo interpretate come un attacco alla scuola pubblica, ma al contrario come un richiamo al valore fondamentale della scuola pubblica, che presuppone libertà d’insegnamento ma anche ripudio dell’indottrinamento politico e ideologico”.

Difende il premier il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, che ha commentato: “Il presidente Berlusconi si è speso in difesa di un principio sacrosanto: la libertà di scelta educativa delle famiglie. Il pensiero di chi vuol leggere nelle parole del premier un attacco alla scuola pubblica è figlio dell’erronea contrapposizione tra scuola statale e scuola paritaria. Per noi, e secondo quanto afferma la Costituzione italiana, la scuola può essere sia statale sia paritaria. In entrambi i casi è un’istituzione pubblica, cioè al servizio dei cittadini”.

Pronta la replica di Bersani, che ha chiesto le dimissioni del ministro: ”Se la Gelmini fosse un vero ministro, invece che arrampicarsi sui vetri per difendere Berlusconi, dovrebbe prendere atto degli inaccettabili attacchi che il premier ha rivolto agli insegnanti e alla scuola pubblica e dovrebbe dimettersi”.