La richiesta di rito immediato per Silvio Berlusconi che verrà avanzata oggi dai pm milanesi riguarderà entrambi i reati contestati al premier: concussione e prostituzione minorile. A sciogliere ogni dubbio, la comunicazione del procuratore di Milano Edmondo Bruti Liberati, che ha reso noto di avere stralciato la posizione di Berlusconi rispetto a quelle degli altri indagati, aprendo un fascicolo autonomo per le accuse che lo riguardano. Ma per gli scandali sessuali e le vicende giudiziarie del premier non è questa l’unica notizia di giornata: il settimanale Oggi annuncia che esistono foto e video dell’allora minorenne Noemi Letizia nelle residenze romane del presidente del Consiglio. E poi c’è il processo Mills. Ieri il consiglio giudiziario, a seguito del venir meno del legittimo impedimento continuativo,  ha deciso che il processo Mills (in cui il premier è imputato per corruzione in atti giudiziari) riprenderà il prossimo 11 marzo a Milano. L’onorevole avvocato del premier Niccolò Ghedini parte all’attacco: lasciando Palazzo Grazioli, risponde a ilfattoquotidiano.it che gli chiede se si aspettasse la richiesta di rito immediato per il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi e, riferito ai pm di Milano dice: “Me l’aspettavo, perché violano le norme della Costituzione”.

RITO IMMEDIATO PER ENTRAMBI I REATI: La posizione di Silvio Berlusconi nell’ambito dell’indagine milanese sul caso Ruby è stata separata da quelle dei coindagati (Lele Mora, Emilio Fede, Micole Minetti e altre due persone) in vista della richiesta di giudizio immediato che la Procura inoltrerà al gip oggi. “In vista delle ulteriori determinazioni relative all’esercizio dell’azione penale, si è proceduto allo stralcio e alla formazione di un autonomo fascicolo processuale con il numero 5657/2011 nei confronti di Silvio Berlusconi”, ha scritto ieri Bruti Liberati. Nei giorni scorsi, i magistrati hanno a lungo dibattuto sull’opportunità di chiedere l’immediato solo per la concussione. Alla fine, invece, sembra aver prevalso la linea di tenere insieme le accuse a carico del premier, confidando nel fatto che il reato più grave, quello della concussione, “attrae” quello meno grave. Sarà il gip Cristina Di Censo a valutare se la soluzione scelta dai pm milanesi può portare al processo per Berlusconi in relazione a tutte e due i presunti reati. Al momento il premier risulta indagato, per la concussione e per la prostituzione minorile solo in relazione a Ruby. Gli accertamenti su Iris Berardi, che ha passato una notte ad Arcore tra il 12 e il 13 dicembre scorso, quando era ancora minorenne, sono quindi ancora in corso.

MILLS: Riprenderà il prossimo 11 marzo a Milano il processo Mills a carico del premier Silvio Berlusconi, imputato di corruzione in atti giudiziari. Il processo era stato sospeso lo scorso aprile dopo l’invio degli atti alla Consulta in relazione all’eccezione di illegittimità costituzionale della legge sul legittimo impedimento. Ieri il Consiglio giudiziario ha dato parere favorevole all’applicazione del giudice Francesca Vitale, presidente del collegio, ora trasferita in Corte d’appello.

NOEMI: Ci sono delle foto e dei video di Noemi Letizia, ancora minorenne, nelle abitazioni del presidente del Consiglio a Roma e in Sardegna. Lo rivela il settimanale Oggi, spiegando che scatti e riprese sono fra il materiale in mano a Vincenzo Oronzo, fratello di Roberta, la giovane che fu ospite del premier a Palazzo Grazioli e a Villa Certosa assieme alla giovane di Casoria. “In una foto, Berlusconi in abito e camicia scura sorride tra Noemi Letizia e l’amica Roberta Oronzo”, scrive il settimanale in un’anticipazione del numero in edicola, precisando che la foto “sarebbe stata scattata a Villa Certosa in occasione del Capodanno 2009, quando le due ragazze erano minorenni”. Secondo Oggi, poi, ci sarebbero anche due video girati a Villa Certosa (in uno Noemi balla scatenata da sola su un palco) e quattro girati a Palazzo Grazioli (in uno Noemi apre un armadio pieno di giacche da uomo).