Il nostro viaggio nell’Italia del buonsenso ci porta oggi a Correggio, un comune di 24.000 abitanti della Provincia di Reggio Emilia.

In questo paesone reggiano, celebre per aver dato i natali al pittore rinascimentale Antonio Allegri, detto appunto il “Correggio” (ma anche allo scrittore Pier Vittorio Tondelli e a Luciano Ligabue), da qualche anno sono in azione amministratori che cercano, non senza contraddizioni e difficoltà quotidiane, a sperimentare azioni concrete di riduzione dei consumi e di tutela ambientale.

Dal mese di ottobre 2007, tanto per dirne una, è entrato in vigore il nuovo regolamento edilizio del comune, che introduce l’obbligo di classificazione energetica degli edifici. Il regolamento prevede, sull’esempio di decine di altre esperienze in tutta Italia, l’applicazione obbligatoria della classificazione energetica per gli edifici nuovi e per le ristrutturazioni: ciò significa che nella progettazione e realizzazione si deve tener conto di prescrizioni volte al risparmio e all’efficienza energetica degli edifici, in termine di coibentazione, infissi, isolamento.

Gli obiettivi del nuovo regolamento edilizio sono facilmente intuibili: riduzione del fabbisogno energetico degli edifici, miglioramento dell’efficienza energetica dei nuovi insediamenti residenziali, introduzione di azioni incentivanti per l’impiego di impianti ad alta efficienza, recupero energetico da fonti alternative, utilizzo di materiali ecocompatibili.

Per ottenere il certificato di agibilità, per ciascun edificio il comune di Correggio rilascia un Attestato Energetico e una Targa Energetica: il primo determina il fabbisogno energetico per la produzione di acqua calda, il consumo di energia per il riscaldamento e l’emissione di CO2, mentre la seconda stabilisce la classe di fabbisogno energetico da A a G. Per ottenerli, il costruttore o il proprietario devono rispettare diversi passaggi dal momento del deposito della domanda di permesso di costruire o denuncia di inizio attività, al momento della costruzione e al momento della richiesta di agibilità. L’attestazione di classificazione energetica e la targa energetica vengono consegnate una volta valutata la congruità della documentazione e hanno una validità di 10 anni.

All’interno delle Politiche comunali sull’energia denominate “Alla luce del sole”, il comune di Correggio ha attivato un punto energia, un servizio affidato a un esperto che riceve su appuntamento due giorni alla settimana e può dare informazioni e consigli su come risparmiare energia e come produrla in modo pulito senza inquinare.

Dal 2005 ad oggi sono stati realizzati alcuni interventi di risparmio energetico sfruttando l’utilizzo di fonti di energia rinnovabile. In particolare sono stati installati impianti fotovoltaici presso le scuole medie e impianti di solare termico presso alcune strutture sportive.

A questi interventi sono stati affiancati i lavori di riqualificazione dell’illuminazione pubblica del territorio. Tra i dati di risparmio energetico più importanti vi è la sostituzione di circa 1.000 lampade da 125 Watt a ioduri metallici (luce bianca) con lampade da 70 Watt al sodio alta pressione (luce gialla). Per quanto riguarda la potenza complessiva degli impianti, si è passati da 602 kW a 538 kW, con un risparmio di 64 kW installati; l’energia consumata in un anno solare è scesa da 2.509.019 kWh a 2.314.991 kWh con una differenza di 275.028 kWh che equivalgono a circa 184 tonnellate di emissioni di anidride carbonica (CO2) evitati in un anno. La luminosità complessiva, invece, è aumentata da un flusso di 6.000 lumen (misura dell’intensità luminosa) a 6.600 lumen: in pratica, quindi, grazie alle ottiche dei nuovi corpi illuminanti e alle nuove lampade al sodio, è stato possibile risparmiare energia illuminando meglio.

 Ciò che ha permesso al comune di vincere il Premio Comuni a 5 stelle nella categoria “Impronta ecologica” è però il progetto della nuova scuola dell’infanzia. La nuova scuola ospita 15 classi, i laboratori di informatica, di educazione artistica, di musica e di scienze. A questi si aggiunte una sala polivalente, un ampio locale mensa, una palestra scolastica con gli spogliatoi e i locali di servizio.

Si tratta di una scuola costruita secondo i criteri della “casa clima”, ossia a basso consumo energetico: i principali accorgimenti tecnici adottati in questa direzione consistono nelle sonde geotermiche che provvedono a reperire nel terreno l’acqua calda per il riscaldamento, nella dotazione di pannelli fotovoltaici, nei lucernai del corridoio che contribuiscono all’illuminazione senza consumo, nella parziale copertura del tetto con terriccio ed erbe speciali per garantire maggior isolamento termico.

Si tratta di un investimento sul futuro non soltanto perché i primi destinatari sono i ragazzi, ma anche perché questo edificio è stato realizzato utilizzando tutte le più avanzate tecnologie in materia di sostenibilità ambientale e risparmio energetico: l’edificio consumerà pochissimo e grazie alle fonti rinnovabili diventerà il primo edificio pubblico di Correggio a raggiungere l’indipendenza energetica.

Confrontando il bilancio energetico della nuova scuola con una equivalente costruita con tecniche tradizionali, ne discende un risparmio pari ad € 67.500 all’anno, a favore della scuola “ecologica”. Tale differenza porta ad ammortizzare i maggiori costi sostenuti per costruirla con queste tecnologie in 13 anni. Inoltre, per ciascun anno successivo ci potrà essere un utile di circa 30.000 euro netti, proveniente dalla vendita di energia elettrica generata con il fotovoltaico.

Se a tutto questo aggiungiamo il percorso intrapreso dal comune per raggiungere la certificazione EMAS, i progetti di mobilità sostenibile (telebus, bicibus, car-sharing, ecc.), l’introduzione dei prodotti biologici nelle mense scolastiche, l’attivazione del porta a porta per la raccolta differenziata dei rifiuti, la mostra-mercato “Utile netto” per la vendita di prodotti della filiera corta e del commercio equo e solidale, si può solo sperare che il comune insista a percorrere questa strada.

http://www.comunivirtuosi.org

http://www.comune.correggio.re.it

Video  correlato: la scuola sostenibile  di Ponte nelle Alpi (Bl)