Trasferiti per aver scoperto il fatto. Succede a Ischia, isola di mare e di abusi edilizi, dove dirigenti del locale commissariato di Polizia sono stati destinati ad altra sede e altro incarico dopo le polemiche e le pressioni per una lunga indagine sull’operato dell’ex sindaco di uno dei sei comuni dell’isola, Lacco Ameno. La denuncia arriva dal senatore Roberto De Seta, capogruppo Pd in Commissione ambiente: «A Ischia chi indaga sugli abusi edilizi e tocca gli interessi di persone note e politici rischia grosso, addirittura viene trasferito». Le indagini risalgono a tre anni fa, il trasferimento all’anno scorso. In mezzo, le grandi manovre di Amedeo Laboccetta, parlamentare del Pdl che si è speso molto per far allontanare dall’isola gli “indesiderati” investigatori, il dirigente del locale commissariato, Antonio Vinciguerra, e l’ispettore Giuseppe Gandolfo.

La storia. Due anni fa, Domenico De Siano, ex sindaco e vice-sindaco sull’Isola Verde, viene indagato insieme ad altre 33 persone per una serie di reati che vanno dall’associazione a delinquere al falso in atti amministrativi, dal peculato fino alla truffa ai danni di un ente pubblico. Al centro dell’inchiesta, la vicenda del porto turistico di “Marina del Capitello” nel Comune di Lacco Ameno. Le indagini dimostrano che per realizzare l’opera viene distrutta una prateria di mezzo chilometro di alghe rarissime e danneggiata la condotta sottomarina nella quale confluisce l’intero sistema fognario comunale con il rischio che i liquami finiscano tutti a mare. D’altronde, la salute delle migliaia di turisti che ogni anno affollano l’Isola Verde non era proprio la priorità dell’ex sindaco che, come emerso da un altro capitolo dell’inchiesta, riesce a tenere a bada i funzionari della locale Azienda Sanitaria e della competente agenzia regionale per l’ambiente, dopo un grave caso di legionella riscontrato nell’albergo di famiglia, il “Villa Svizzera”. I pm parlano di “costante condizionamento della pubblica amministrazione (Comune, Capitaneria di Porto, Polizia Municipale, Asl e Arpac)” e di “asservimento della funzione pubblica agli interessi del gruppo”. Le attività sono ancora in corso, almeno per quanto riguarda l’azione della Procura che non ha ancora notificato l’avviso di chiusura delle indagini. A febbraio di un anno fa, invece, Antonio Vinciguerra veniva “promosso”: da dirigente del commissariato di Ischia all’ufficio di Gabinetto del Questore di Napoli.

L’amico degli indagati. De Siano, intanto, è stato eletto al consiglio regionale della Campania, grazie anche all’impegno del suo sponsor politico, Amedeo Laboccetta. Il parlamentare manager – come lui stesso ama definirsi sul sito istituzionale della Camera per via dell’incarico in Atlantis World, la multinazionale off-shore partner dei Monopoli di Stato nel business delle slot-machine – si era speso a lungo per difendere il suo compagno di partito. Interviste, accuse, persino un’interrogazione urgente al Ministro degli Interni: «Quanto detto, da solo basterebbe a chiedere e a giustificare la rimozione di quei funzionari di polizia responsabili di tale pesante intromissione nell’attività e nella vita dell’ente locale e del danno anche erariale provocato» aveva dichiarato, illustrando il provvedimento a Montecitorio. La risposta in aula dell’Esecutivo, però, non lo aveva soddisfatto: «Spero che il Governo sappia porre in essere le iniziative necessarie per giungere allo stato di cose che noi auspichiamo con forza. Spero, inoltre, che esso lo faccia con la massima celerità, prima che si sviluppino iniziative clamorose, rispetto alle quali sarà poi difficile poter porre un freno». Più che una richiesta sembra un velato avvertimento. Era il 24 luglio 2008: sette mesi dopo il trasferimento era già cosa fatta.

Vito Laudadio