I nomi del “complotto” di Panorama

di Antonio Massari

Un senatore del Pd, Alberto Maritati, fotografato da un investigatore privato. Pedinato mentre era in compagnia del pm della dda di Bari, Giuseppe Scelsi, titolare dell’inchiesta su Giampi Tarantini e sul giro di escort, tra le quali Patrizia D’Addario, presentate a Silvio Berlusconi.

Appuntamenti e incontri “filmati” – pochi giorni prima che scoppiasse lo scandalo Berlusconi-D’Addario – anche tra Maritati e l’avvocato Maria Pia Vigilante. E poi tra la Vigilante, che ne difende gli interessi, e la D’Addario. E infine: tra la Vigilante e un giornalista.

Al di là dell’indagine svolta dagli investigatori privati, anche la Procura di Bari ha voluto vederci chiaro, setacciando i conti della D’Addario e controllando i suoi spostamenti, insieme con quelli dei giornalisti che avevano lavorato sul suo caso.

Un mix d’informazioni – alcune confluite nei fascicoli della procura, altre no, altre ancora prossime all’acquisizione – che ha spinto Panorama a evocare un “complotto”. Nessun complotto. Nel mirino – della procura e degli investigatori privati – c’è la “gestione” di Patrizia D’Addario e del suo materiale incandescente.
E gli investigatori privati – non la procura – hanno documentato una sequenza d’appuntamenti tra un magistrato, un politico, un avvocato, un giornalista.

E in procura c’è chi si chiede se, le indagini di un investigatore privato, che riguardano il caso D’Addario , possano spingersi fino al magistrato titolare dell’indagine. Il magistrato, infatti, si chiama Giuseppe Scelsi, pm della dda di Bari, titolare dell’inchiesta su Tarantini.

Il politico si chiama Alberto Maritati, senatore del Pd, ex collega di Scelsi per parecchi anni, proprio nella Procura di Bari, dove è stato procuratore aggiunto. L’avvocato è Maria Pia Vigilante, difensore della D’Addario, della quale cura gli interessi anche per controversie familiari e burocratiche.

La giornalista si chiama Maddalena Tulanti: è da anni l’apprezzato capo della redazione pugliese del Corriere del Mezzogiorno, inserto regionale del Corriere della Sera, ed è la penna che ha trasformato in un libro – Gradisca, presidente (Aliberti editore) – la biografia della D’Addario.

L’investigatore privato scopre che – nel giro di pochi giorni – i quattro s’incontrano. Nel centro della città. E inserisce il tutto – fotografie incluse – nell’indagine difensiva. Il Fatto Quotidiano ha contattato il senatore Alberto Maritati, per chiedergli se davvero ha incontrato il pm Scelsi e l’avvocato Vigilante. E gliene ha chiesto i motivi.

“La teoria del complotto – esordisce – mi pare demenziale. È vero che ho incontrato Scelsi e l’avvocato Vigilante. Ho lavorato a Bari per 11 anni, quand’ero in procura, ma adesso che sono un politico, ci vengo raramente, e solo per motivi professionali. Scelsi era in prefettura, per un incontro istituzionale, e ci siamo fermati a prendere un caffè. Siamo stati insieme tra i 5 e i 10 minuti. Non di più. Non sapevo nulla dell’indagine in corso. E lui non me ne ha accennato. L’incontro è avvenuto un mese prima che lo scandalo fosse noto. Dopo, sapendo che il titolare dell’inchiesta era lui, ho capito che, dato il mio ruolo, sarebbe stato meglio non incontrarsi. Non l’ho chiamato neanche per gli auguri di Natale. È vero che nello stesso periodo ho incontrato l’avvocato Vigilante. La conosco da oltre dieci anni. È un’amica di famiglia. L’ho vista al ristorante, sul corso, e mi sono fermato a salutarla. Ho chiacchierato con lei che, peraltro, cura anche una mia causa giudiziaria. Infine: non ho mai conosciuto Patrizia D’Addario”.

Da il Fatto Quotidiano del 3 febbraio