Caldo record, la crisi climatica in Europa. Incendi a Londra, il sindaco: “Per vigili del fuoco giorno peggiore dalla seconda guerra mondiale”

In Germania il 19 luglio è stato il giorno con le temperature più alte dell'anno. Il fuoco ha colpito diverse aree del continente: la Francia è in difficoltà per gli incendi nella regione della Gironda, dove è atteso Macron. In Grecia 2 feriti e 600 persone evacuate

Aggiornato: 16:54

  • 16:54

    Grecia, vasto incendio a nord di Atene

  • 13:42

    Macron predispone requisizione elicotteri civili per spegnere fuoco

    Il presidente francese Emmanuel Macron ha chiesto la requisizione di due elicotteri civili per contribuire alle operazioni di spegnimento degli incendi nella Gironda. Ad annunciarlo è stato il portavoce del governo, Olivier Véran al termine del Consiglio dei ministri. Un decreto che autorizza la requisizione è stato presentato oggi dal ministro dell’Interno. Lo rende noto Bfmtv, ricordando che il presidente è atteso oggi alle 15 a la Test-de-Buch, in Gironda.  

  • 13:37

    Grecia, due feriti e 600 evacuati

    Almeno due persone sono state ricoverate in ospedale ad Atene con problemi respiratori e lievi ustioni a causa del grande incendio che per il secondo giorno minaccia la periferia della capitale greca nella zona intorno al Monte Penteli, 25 chilometri a nordest di Atene. Nella notte centinaia di residenti sono stati evacuati e circa 500 vigili del fuoco sono al lavoro per arginare le fiamme. Cinque canadair e 4 elicotteri sono al lavoro e finora sono oltre 600 persone le persone evacuate dalle loro case. “Le condizioni sono molto difficili. La priorità è salvaguardare le vite umane, le infrastrutture critiche e le proprietà private”, ha affermato il portavoce dei vigili del fuoco, Yiannis Artopios, aggiungendo che i venti fino a 80 chilometri orari stanno rendendo difficile il supporto aereo alle squadre dei vigili del fuoco. La Grecia ha evitato l’ondata di caldo che sta colpendo i paesi dell’Europa occidentale, ma i vigili del fuoco affermano che le condizioni calde e secche che sono durate per settimane, così come gli aumenti di temperatura a lungo termine, hanno aumentato il rischio complessivo di incendi boschivi. 

  • 11:15

    Spagna, ripristinate linee ad alta velocità interrotte

    È stata ripristinata nelle ultime ore in Spagna la circolazione dei treni sui tratti delle linee ad alta velocità interrotti a causa di incendi attivi nelle vicinanze. Lo ha reso noto Renfe, la società che gestisce il traffico ferroviario per passeggeri nel Paese iberico. La linea su cui si sono riscontrati più disagi negli ultimi giorni è quella che collega Madrid e la Galizia, in quanto attraversa zone altamente colpite dagli incendi, come alcune province della Castiglia-León. Ieri sera ci sono stati anche problemi sulla linea Madrid-Saragozza-Barcellona. Su questa tratta, permangono ancora disagi per quanto riguarda i treni regionali. L’emergenza roghi non è comunque ancora terminata, per le alte temperature che si registrano in diverse zone del Paese. “Ci saranno ancora giornate difficili”, ha detto ieri pomeriggio il premier Pedro Sánchez  

  • 10:34

    Macron atteso in zone colpite da incendi

    Il presidente francese, Emmanuel Macron, è atteso oggi in Gironda, il dipartimento del sud-ovest della Francia duramente colpito dal caldo torrido e dai devastanti incendi di questi ultimi giorni. L’incendio di Landiras, 40 chilometri a sud di Bordeaux, ha distrutto 13.600 ettari di boschi e quello di Teste-de-Buch, nella zona del bassin d’Arcachon, ne ha distrutti 7.000. Ma secondo quanto riferito dalla prefettura, la situazione migliora. Le fiamme sono progredite “molto poco” nella notte tra ieri e oggi e non ci sono state nuove evacuazioni, precisano le autorità locali. Dall’inizio degli incendi, una settimana fa, sono quasi 36.750 le persone evacuate a causa degli incendi, ha dichiarato il viceprefetto di Arcachon, Ronan Léaustic. Anche l prefetto di Gironda e Nuova Aquitania, Fabienne Buccio, ha detto che la situazione è andata “calmandosi”. I due incendi divampati il 12 luglio hanno distrutto un totale 20.600 ettari di boschi nel sud-ovest della Francia, Con 300 ettari distrutti nella notte tra ieri e oggi, “il bilancio è piuttosto positivo, la situazione è migliorata durante la notte ma i due roghi non sono ancora sotto controllo”, dice il colonnello dei pompieri, Arnaud Mendousse, citato dalla stampa d’Oltralpe. Macron è atteso in Gironda questo pomeriggio. Ieri, il presidente ha chiesto di “proseguire l’azione per lottare contro gli incendi in Gironda, aumentando la capacità di azione nazionale per le prossime settimane”: Quanto alle cause dell’incendio di Landiras, si indaga ancora e un uomo di 39 anni è stato posto in stato di fermo. Intanto, dopo il caldo torrido di ieri e dell’altro ieri, Parigi torna a respirare grazie ad una serie di temporali notturni che hanno contribuito ad abbassare la temperatura dagli oltre 40 gradi di ieri pomeriggio ai 20 attuali. 

  • 10:25

    Uk, linee ferroviarie interrotte causa caldo: binari danneggiati

    Continuano le interruzioni ferroviarie nel Regno Unito a causa degli incendi divampati ieri. Secondo quanto riporta The Independent, la linea principale della costa orientale, che collega la stazione di King’s Cross a Londra con lo Yorkshire e la Scozia, questa mattina era ancora chiusa a sud di Peterborough. La testata aggiunge che, secondo la Network Rail, “Ci sono numerose segnalazioni di danni ai binari, alle apparecchiature di segnalazione e alle linee aeree attraverso le reti ferroviarie del Regno Unito”  

  • 10:04

    Sindaco Londra: “Per vigili del fuoco giorno peggiore dalla guerra”

    Sono una quarantina le proprietà distrutte dagli incendi a Londra nella giornata più calda mai registrata nella Gran Bretagna. Lo ha detto a Sky News il sindaco di Londra Sadiq Khan parlando di 41 proprietà, tra case e magazzini, distrutti dalle fiamme. Sono invece sedici i vigili del fuoco che sono rimasti feriti mentre affrontavano gli incendi, con due portati in ospedale a causa dello stress da caldo. Khan ha affermato poi che “ieri è stato il giorno più impegnativo per i vigili del fuoco a Londra dalla seconda guerra mondiale”. Il sindaco londinese ha spiegato che “i vigili del fuoco ricevono, grosso modo, 350 chiamate in una giornata intensa. Ieri hanno ricevuto più di 2.600 chiamate”.

  • 10:02

    Incendi a Londra per caldo record

    È scattata l’allerta del “major incident“, l’emergenza grave, a Londra per una serie di incendi nella capitale che sono divampati per le temperature record oltre i 40 gradi. Più di 350 vigili del fuoco stanno affrontando le fiamme in almeno quattro punti della città: si sono scatenate soprattutto fra prati e sterpaglie seccati dal caldo. Il maggiore è in corso a Wennington, alla periferia est di Londra, e sono state coinvolte alcune abitazioni. Il sindaco Sadiq Khan ha affermato che la London Fire Brigade è sotto una “immensa pressione” per intervenire in diverse parti della città. 

  • 09:43

    Ieri il giorno più caldo in Germania

    È stato oggi giorno più caldo dell’anno in Germania, con temperature che hanno toccato i 39,5 gradi centigradi. Il valore più alto, secondo quanto riferito dal Servizio Meteorologico tedesco, è stato registrato nel tardo pomeriggio alla stazione di Duisburg-Baerl. Prima di oggi, il giorno più caldo era stato il 19 giugno, con picchi di 39,2 gradi. Il record assoluto di caldo è stato registrato il 25 luglio 2019 con 41,2 gradi a Duisburg e Toenisvorst.  

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui