Omicron arriva anche in Veneto. La variante è stata sequenziata nel materiale genetico di un 40enne vicentino, che al momento non ha particolari problemi. Lo ha reso noto in serata il governatore Luca Zaia, a margine della presentazione del suo libro ‘Ragioniamoci sopra’. Sono risultati positivi al Covid anche la moglie e uno dei due figli dell’uomo. Il sequenziamento di questi ultimi è ancora in corso, ma al momento risultano con una sintomatologia ridotta. Sono in quarantena. La scoperta si deve ai laboratori dell’Istituto Zooprofilattico delle Venezie – IZS, uno dei centri di referenza nazionale per i sequenziamenti.

L’uomo contagiato, ha riferito Zaia, è residente nel vicentino ed era rientrato da un viaggio di lavoro in Sudafrica. Il paziente, che risulta vaccinato, era risultato negativo a un primo tampone fatto al rientro, ma, percependo alcuni leggeri sintomi, ne aveva fatto un secondo: quest’ultimo aveva dato esito positivo evidenziando – appunto – la presenza di Omicron. “Siamo in massima allerta su tutto il fronte – sottolinea Zaia – e questa novità, non bella ma attesa, dimostra che la rete dei controlli, dei tamponi e deli sequenziamenti funziona efficacemente”.

Intanto prosegue il monitoraggio dell’ospedale Cotugno di Napoli, nel cui laboratorio è avvenuto il sequenziamento dei campioni di materiale organico prelevato dalle persone entrate in contatto con il manager Eni risultato positivo ad Omicron di ritorno da un viaggio in Mozambico: “Al termine delle attività di sequenziamento effettuate dal laboratorio dell’ospedale sui tamponi provenienti dall’Asl di Caserta, è emerso che sono positivi alla variante Omicron tre soggetti tutti appartenenti al nucleo familiare del primo caso riscontrato. Complessivamente sono 7 i soggetti in cui è stata riscontrata, quindi, la variante Omicron”. Già da qualche giorno si sapeva che oltre al manager erano risultati positivi ad Omicron i due figli e la moglie, mentre erano in forse la madre del manager e la suocera, anch’esse risultate positive ma il cui sequenziamento non era stato possibile vista la bassa carica virale. L’operazione sulle due anziane è stata effettuata di nuovo ed è emersa la positività ad Omicron.

Sempre dal Cotugno hanno inoltre reso noto che “gli altri tamponi sequenziati (tre compagni di classe e un docente) sono risultati positivi alla variante Delta” e quindi non a Omicron dunque. Per il direttore generale dell’Asl di Caserta Ferdinando Russo “la situazione è sotto controllo e costantemente monitorata”, anche perché tutti i contagiati ad Omicron sono in buone condizioni di salute. Intanto va avanti lo screening di massa su alunni, docenti e personale amministrativo dell’istituto comprensivo frequentato dai figli del manager, che è stato chiuso il 2 dicembre scorso per motivi precauzionali. Ad ora sono stati effettuati 655 tamponi e sono emerse quattro positività alla scuola media, anche se si tratta di casi che per l’Asl non sono ritenuti connessi a quello del manager Eni positivo ad Omicron. In ogni caso i campioni di materiale prelevato saranno inviati al Cotugno per il sequenziamento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Padova, attacco hacker all’Unità locale socio sanitaria: attività sospese per ore. Si rischia di perdere i dati: il “virus” chiede un riscatto

next
Articolo Successivo

Covid, Brusaferro: “Per la sesta settimana c’è aumento dei casi. Ci sono ancora 3 milioni e mezzo di italiani non vaccinati”

next