Medaglia d’oro al collo, una corona in testa. E poi cori e l’inno di Mameli. Antonella Palmisano, oro nei 20 km di marcia alle Olimpiadi di Tokyo 2020, è tornata nella sua città adottiva, Ostia, accolta dall’affetto dei concittadini e accompagnata dalle Fiamme Gialle. Raccontando della storica impresa, l’atleta ha sottolineato: “È un sogno che si è realizzato – ha detto – Non mi aspettavo quest’accoglienza. Volevo la medaglia, devo ancora godermela. Gli ultimi tre chilometri ho capito che potevo vincerla, che la gara era mia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Olimpiadi, la Rai ha fatto il miracolo ma potrebbe fare di più: Parigi è molto vicina

next
Articolo Successivo

Tokyo 2020, Jacobs torna in Italia e scherza con il comandante Alitalia: “100 metri sulla pista dell’aeroporto? Interessante…”

next