Seconda dose di vaccino per Angela Merkel che, dopo la prima somministrazione con AstraZeneca, ha ricevuto il siero della casa farmaceutica Moderna, come ha riferito il suo portavoce Steffen Seibert. Anche il presidente del Consiglio Mario Draghi, dopo avere ricevuto la prima dose del vaccino anglo-svedese, ha dichiarato che si sottoporrà all’inoculazione di un vaccino eterologo a mRNA.

Il mix di farmaci anti-covid “funziona, io stesso martedì sono prenotato per fare l’eterologa“, aveva detto venerdì in conferenza stampa. “Ho più di 70 anni, come sapete. La prima AstraZeneca che ho fatto ha dato una risposta di anticorpi bassa. E allora mi si consiglia di fare l’eterologa. Quindi l’eterologa funziona per me e, ancor più vero, funziona per quelli che hanno meno di 70 e 60 anni”, aveva aggiunto.

In Italia per gli under 60 che hanno ricevuto la prima dose di AstraZeneca il Ministero della Sanità ha indicato che resta preferibile il richiamo con farmaco a mRna, ma con parere medico e consenso informato si potrà richiedere Vaxzevria (cioè AstraZeneca). Il monodose J&J indicato per le fasce della popolazione difficili da raggiungere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cuba, “il nostro vaccino Abdala contro il Covid efficace al 92% con tre dosi”

next
Articolo Successivo

In India si testano i droni per portare i vaccini: così le dosi potranno arrivare nelle zone più remote – Video

next