“Oggi siamo riusciti ad unire l’arte con la raccolta, la riqualificazione e la rigenerazione dei rifiuti”. Vincenzo Capasso, presidente di Let’s do it! Italy racconta così l’Art Ocean’s Day Milano organizzato insieme a World Cleanup Day e Vitaru Italia. Un evento che voleva promuovere le tematiche ambientali, ed in particolar modo la riduzione dei rifiuti e il contrasto all’inquinamento marino, attraverso l’arte. L’evento, che è svolto in zona Navigli a Milano ha previsto un’azione di pulizia presso Alzaia Naviglio Pavese. “Una mattinata all’insegna della cooperazione, nel corso della quale abbiamo ripulito le strade del Naviglio da migliaia di cicche di sigarette e ripescato dal Naviglio Pavese una bicicletta, un carrello da supermercato e un bidone dei rifiuti. Questo pomeriggio, infatti, durante la live performance le artiste riutilizzeranno alcuni dei rifiuti raccolti per trasformali in opere d’arte. Questo è un modo per far capire che i rifiuti possono avere una seconda vita”.

In contemporanea sono state inaugurate le mostre di disegni dei bambini e la mostra di opere d’arte per gli oceani, presso l‘ex Fornace Gola (Alzaia Naviglio Pavese, 16). E l’Art Ocean’s day, presso l’ex Fornace Gola dove, alle 17, si è tenuta una live performance di Marina Kaminsky. L’evento gode del patrocinio del Municipio 6 del Comune di Milano. Aderiscono all’iniziativa Angeli dei Navigli, 10Ksteps4Future, FreeFuture, Let’s do It! Ukraine, Associazione culturale internazionale difesa diritti artisti, School Recycling, Associazione I colori per la pace, Nord walking. L’evento gode inoltre del patrocinio di AMSI (Associazione Medici Stranieri in Italia), Uniti per Unire, CO-MAI (mondo arabo Italia), UMEM (Unione Medica Euro mediterranea).

Ogni anno, ben 8 milioni di tonnellate di rifiuti finiscono nelle acque dei mari di tutto il mondo. Una quantità di rifiuti impressionante che ha contributo a formare quelle che sono state ribattezzate isole di plastica. Rifiuti di ogni genere plastico, comprese le microplastiche, altamente dannose per le acque, per la fauna marina e di conseguenza per l’uomo. L’8 giugno si è celebrata la Giornata Mondiale degli Oceani. Obiettivo di quest’anno è sensibilizzare l’opinione pubblica sull’inquinamento da plastica negli oceani. In occasione di questo appuntamento Let’s do It! Italy ha organizzato il webinar Rigeneriamo il tessile per salvare gli oceani. All’incontro hanno partecipato Emma Pavanelli, Commissione Ambiente Senato, Vincenzo Capasso, presidente Let’s do It! Italy. Ha moderato Roberto Malfatti, presidente della cooperativa sociale Sepofà.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gli oceani della Terra sono 5: sulle mappe pure l’Oceano Meridionale, intorno all’Antartide. E’ la prima modifica delle carte dal 1915

next
Articolo Successivo

Nel mare di Sanremo c’è Moby Dick: avvistata Sabina, una femmina di capodoglio. Ecco perché girano volentieri nel mar Ligure

next