Un ricercatore di sicurezza ha scoperto che alcuni hacker hanno creato un falso sito di download per le DirectX 12, le celebri librerie Microsoft per il gaming, che appare del tutto credibile e dotato anche di un certificato di sicurezza, documenti sulle politiche della privacy e altro ancora, ma che invece serve a diffondere un malware che scansiona il PC alla ricerca di informazioni private e dati sensibili.

Tali informazioni includono elementi come uno screenshot del desktop, i dettagli del PC, i cookie e, soprattutto, tutti i portafogli per cripto-valute che l’utente potrebbe possedere. Tutte le informazioni eventualmente trovate saranno quindi salvate in una directory temporanea e caricate sulla rete dell’hacker. Questo nuovo approccio non è un’eccezione, ma parte di una nuova strategia comune a molti hacker, che utilizzano pagine di download false ma dall’aspetto credibile.

Gli hacker hanno utilizzato siti Web hackerati per collegarsi alle loro pagine false, aumentando il grado di ricerca di Google della pagina e ingannando più utenti a fare clic sui loro falsi link di download.

È quindi sempre più importante che gli utenti siano più vigili quando cercano software da scaricare, anche quando digitano “Spotify download” su Google, ad esempio, e controllano attentamente le credenziali e l’URL di una pagina prima del download e non presumono che il primo link sia per forza quello corretto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

LG AI ThinQ OLED 65 pollici in offerta su Amazon con sconto di 400 euro

next
Articolo Successivo

TCL 20 Pro 5G, recensione. Smartphone di fascia media interessante ma dal prezzo eccessivo

next