Dopo Gabriele Lavia, Vinicio Marchioni, Euridice Axen, Roberta Caronia, Paola Minaccioni, Andrea Scanzi, Emanuele Salce, Lucrezia Lante della Rovere e Iaia Forte, continua ‘Tutta scena – Il teatro in camera’, la serie di spettacoli realizzati in esclusiva per TvLoft, con ‘La risata nobile – da Aristofane ad Achille Campana’ di e con Tullio Solenghi, per la regia di Sergio Maifredi che ha contributo anche alla scrittura dello spettacolo. L’attore genovese, esponente del ‘Trio’ con Massimo Lopez e Anna Marchesini, parte da un semplice presupposto: la risata è in grado di salvare la vita, la sua è una rivoluzione senza effetti collaterali. Tullio Solenghi vuole restituire alla “nobile risata”, sempre troppo sottovalutata, il posto che le spetta, partendo da Aristofane e arrivando ad Achille Campanile, Ennio Flaiano, Stefano Benni, Paolo Villaggio. D’altronde, il bestseller ‘Il nome della rosa’ nasce dalla scomparsa della ‘Commedia’ di Aristotele e nel capolavoro di Umberto Eco si arriva a uccidere pur di non diffondere il potere incontrollabile della risata. Oltre allo spettacolo, sarà disponibile anche un’intervista video all’artista del giornalista de Il Fatto Quotidiano, Alessandro Ferrucci.

Il progetto, realizzato da Loft Produzioni, a cura autoriale di Giorgia Salari con la collaborazione di Cecilia Pandolfi, vede la direzione artistica di Duccio Forzano, la regia di Matteo Forzano e la direzione della fotografia di Mauro Ricci.

Scopri il cartellone con tutti gli appuntamenti della stagione teatrale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

TvLoft rinnova la sua produzione con documentari, grandi reportage, inchieste e il teatro a casa tua. Dove vuoi tu, quando vuoi tu

next
Articolo Successivo

Matteo Bassetti ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Ho grande stima del prof. Galli. Cosa non rifarei? Avrei evitato qualche previsione”

next