In occasione della Giornata internazionale contro le discriminazioni prende il via la campagna #UPprezzami di SottoSopra, il Movimento giovani per Save the Children, per coinvolgere sempre più le scuole nel contrasto di pregiudizi e stereotipi. Un mese di mobilitazione, che durerà fino al 31 marzo, durante il quale studenti e docenti sono invitati a condividere sui social le attività realizzate per il contrasto della discriminazione. Per la campagna, patrocinata dall’Agenzia nazionale per i Giovani, è stato realizzato anche uno spot di un minuto che racconta la mancanza di aspettative di una ragazza “discriminata” perché “una secchiona, senza speranza” nel giorno del suo compleanno. L’intento della campagna – spiegano i promotori – è quello di richiamare l’attenzione sul fatto che molti ragazzi, al di là dell’isolamento causato dalla pandemia, vivono da sempre una condizione di solitudine e emarginazione. Per la campagna i giovani del Movimento, hanno ideato un kit di attività per aiutare studenti e insegnanti non solo a confrontarsi e ad abbattere i pregiudizi e le etichette, ma anche per ridurre la palese percezione di isolamento e distanza, inaspritasi soprattutto negli ultimi mesi a causa della pandemia, utilizzando musica, arti visive, teatro, letteratura. Le scuole e i ragazzi stessi potranno poi condividere con SottoSopra le attività del kit che avranno realizzato, anche online, postando sui social foto e brevi video

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, 361 naufraghi sulla Sea-Watch: l’ultimo salvataggio nella notte. Alarm Phone accusa la Libia: “Ritarda i soccorsi, 15 morti”

next
Articolo Successivo

Se il calvario di quei 2600 bovini è fatto per il loro ‘benessere’

next