Decine di persone si sono date appuntamento, oggi, in piazza Santi Apostoli a Roma, per una manifestazione in difesa del disegno di legge a prima firma Alessandro Zan, che vorrebbe modificare l’articolo 406 bis del codice penale introducendo le discriminazioni “fondate sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere”. Il provvedimento viene contestato dalla destra (Lega e Fratelli d’Italia) che a Montecitorio ha preso parte a un presidio insieme al Popolo della famiglia e ai movimenti Pro Vita. “La legge è giù vecchia, la aspettiamo da 30 anni”, ha detto Riccardo Russo del circolo Mario Mieli. “Si tratta di una norma necessaria che va approvata subito senza alcun compresso al ribasso“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La violenza di genere è un’emergenza nazionale che non va ‘normalizzata’ nel discorso pubblico

next
Articolo Successivo

Nel sesso il consenso è tutto: in caso di dubbio, #iolochiedo

next