Io sono Chiara, vivo a Reggio Emilia, frequento le superiori e dal 23 febbraio sono in quarantena. Ecco, la mia vita è iniziata a cambiare da quella domenica pomeriggio. E’ cambiata da un giorno all’altro: niente più scuola, nessun orario, nessun programma. Incontravo ancora alcuni amici, dato che la situazione non era ancora così drastica. Ma lo è diventata ben presto e adesso, non si esce se non per andare a fare la spesa, si vede solo la propria famiglia e si studia da casa.

Inizialmente pensavo fosse una questione che avrebbe riguardato solo un territorio ridotto e che sarebbe durata minor tempo, ma così non è avvenuto. Le precauzioni da prendere sono diventate sempre di più e la situazione è peggiorata velocemente. Io tento di vivere questo momento nel miglior modo possibile, cerco i lati positivi visto che di negativi ne vediamo e sentiamo tutti i giorni. Provo a sfruttare il tempo a casa, anche se appena una cosa non c’è più diventa immediatamente ciò di cui non puoi fare a meno.

Le giornate scorrono con un ritmo strano, molto più disteso. Studio, guardo dei film, leggo. E’ un tempo che gestisci tu. Io spesso mi perdo in un cazzeggio interminabile. Non abbiamo verifiche o interrogazioni imminenti perciò è uno studio più responsabile. Da qualche settimana seguiamo lezioni online, trovo che sia una soluzione molto valida e che sia il modo più vicino ad una lezione normale nell’attuale situazione. Però non mi piace come modalità, è molto stressante stare al computer diverse ore. Mi manca tutta la parte sociale e umana della scuola, la più bella, come una battuta scambiata con il compagno o un contatto fisico. Io sento gli amici tramite telefono tutti i giorni, ma manca la relazione “più reale”. Mi mancano le cose quotidiane: l’autobus affollato, gli incontri nei corridoi, una camminata in centro con la musica che risuona nelle orecchie.

E’ uno stile di vita assurdo eppure mi pare così naturale, si vive e basta. E’ un periodo storico importante e riuscire a gestirlo sarà indispensabile. Se il nostro contributo dev’essere quello di stare in casa, forse non è così dispendioso.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, siamo seri: le incognite oggi non sono certo i voti o la Maturità

next