Di Luigi Mario Favoloso, ex fidanzato di Nina Moric ed ex concorrente del Grande Fratello, si sono perse le tracce ormai dal 29 dicembre scorso. Anche Federica Sciarelli si è occupata di questa sparizione a Chi l’ha Visto. E ieri una novità è arrivata ma negli studi di Pomeriggio 5. Favoloso ha telefonato a Barbara D’Urso: “Luigi Mario Favoloso ha chiamato Pomeriggio 5 e ci ha rivelato che è all’estero, in una località segreta, che a noi ha chiesto di non riferire. Lui avrebbe smentito la versione di Nina Moric. Dice di essersi allontanato per un motivo grave, che poi spiegherà”. Secondo la conduttrice del contenitore pomeridiano di Canale5, Favoloso si è detto molto dispiaciuto per la madre, che non sapeva nulla. Ma a quale versione di Nina Moric fa riferimento la D’Urso? A Domenica Live l’ex modella croata aveva raccontato: “Mi ha messo le mani addosso tante volte. Ho continuato a stare con lui perché in questi casi si innesca un meccanismo psicologico malato per il quale ti dai la colpa. In questi anni è stato violento, sia in senso fisico che psicologico. Si è sfogato su di me in una maniera molto forte per l’ennesima volta. Purtroppo una volta anche Carlos ha subito lo stesso atteggiamento. Andavano anche d’accordo insieme, c’era armonia ma lui ogni tanto aveva questi black out. E una sera in particolare ha avuto uno scatto e si è sfogato su mio figlio. Io mi sono messo davanti, ho urlato ma è riuscito a fare del male a mio figlio. Carlos mi ha detto che lo perdonava ancora oggi gli vuole bene però questa storia è chiusa per sempre. Mai più“. La ex compagna aveva poi aggiunto: “Lui sicuramente sta benissimo, è in Italia. Credo che questa scomparsa sia una finzione costruita sin dall’inizio, da lui insieme ai suoi amici e la sua famiglia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Successivo

Australia, maxi incendio a Canberra. Le autorità: “Restate in casa, uscire è pericoloso”

next