“Come politico Bettino Craxi era anche più pericoloso che come bandito”. Dopo il primo episodio dedicato alla riforma Bonafede, continua l’appuntamento settimanale con la rubrica ‘Carta Canta’ di Marco Travaglio, disponibile su Loft ogni giovedì alle 19. Nella nuova puntata intitolata ‘San Bettino’, il direttore de Il Fatto Quotidiano ha dipinto il ritratto dell’ex segretario del Psi in occasione del ventennale della sua morte ad Hammamet il 19 gennaio 2000. Travaglio analizza tutti gli episodi più controversi della storia politica dell’ex presidente del Consiglio, da quella nazionale a quella estera, passando per i processi giudiziari che lo hanno visto coinvolto nello scandalo tangenti e condannato in via definitiva a cinque anni e mezzo per corruzione nel caso Eni-Sai e a quattro anni e mezzo per finanziamenti illeciti della Metropolitana milanese. “Ci hanno detto che rubava per il suo partito, come se questo fosse meno grave che rubare per sé – continua il giornalista -, quando in realtà non è così: se io rubo per me sono un ladro e tutto finisce lì, se invece giro le tangenti al mio partito, portando tanti soldi, conquisto molto potere e altero la concorrenza all’interno della politica. Craxi rubava sia per sé che per il suo partito”.

Carta Canta’ è un programma realizzato in esclusiva per la piattaforma tv Loft (www.iloft.it e app Loft).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia.Doc, su Loft #Campania il sesto video-reportage sulle regioni italiane: “I mille volti di una terra di follia e solitudine”

next
Articolo Successivo

La Confessione (Nove), Irene Pivetti a Peter Gomez: “Ho sofferto tanto dopo che Bossi mi cacciò dalla Lega. Ma oggi lo ringrazio”

next