La scienza non ha dubbi: la Terra è in piena “emergenza climatica” e “indicibili sofferenze umane” saranno inevitabili senza cambiamenti profondi e duraturi nelle attività che contribuiscono alle emissioni di gas serra e ai cambiamenti climatici. A sostenerlo sono più 11mila ricercatori di 153 Paesi, tra cui circa 250 italiani, che hanno firmato la dichiarazione di emergenza climatica pubblicata sulla rivista BioScience. “È un obbligo morale per noi scienziati lanciare un chiaro allarme all’umanità in presenza di una minaccia catastrofica“, scrivono gli esperti che puntano il dito contro “segnali dell’attività umana”, come la riduzione globale della copertura degli alberi, della crescita delle popolazioni animali o lo scioglimento dei ghiacci.

Basata sull’analisi di 40 anni di dati scientifici, la dichiarazione vede fra i primi firmatari Thomas Newsome, dell’Università australiana di Sydney, William Ripple e Christopher Wolf, dell’Università statale americana dell’Oregon, Phoebe Barnard, dell’Università sudafricana di Cape Town e William Moomaw, dell’Università americana Tuft.

I ricercatori hanno individuato sei obiettivi chiave: la riforma del settore energetico puntando sulle rinnovabili, la riduzione degli inquinanti, la salvaguardia degli ecosistemi naturali e quella delle popolazioni garantendo più giustizia sociale ed economica, l’ottimizzazione delle risorse alimentari riducendo il consumo di carne e il passaggio ad una economia carbon free, senza emissioni di carbonio. “Occorrono profonde trasformazioni dei modi in cui le società globali funzionano e interagiscono con gli ecosistemi naturali”, spiegano i ricercatori che sottolineano anche la presenza di segnali positivi e incoraggianti, come una maggiore consapevolezza dei rischi legati ai mutamenti del clima, soprattutto tra gli studenti e le giovani generazioni: “Molti cittadini stanno chiedendo un cambiamento per sostenere la vita sul nostro Pianeta, la nostra sola casa. Diverse comunità, Stati e province, città e imprese stanno iniziando a rispondere”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Clima, Stati Uniti presentano documentazione per ritirarsi dall’accordo di Parigi. Pompeo: “Seguiamo modello realistico e pragmatico”

prev
Articolo Successivo

Ecomondo 2019, il ministro dell’Ambiente Costa sulla plastic tax: “Il Parlamento aiuti le aziende con l’aumento del credito di imposta”

next