Sono iniziate oggi le operazioni di installazione del radar per il monitoraggio del ghiacciaio di Planpincieux, sul massiccio del Monte Bianco, che rischia di crollare sulla Val Ferret. Trasportato in elicottero a Courmayeur, i tecnici della Regione Valle d’Aosta stanno ora effettuando le operazioni preliminari per il posizionamento vero e proprio. Si tratta di una tecnologia, utilizzata già da una decina d’anni per il controllo di alcune frane, che è in grado di percepire movimenti molto piccoli, anche di un decimo di millimetro, in qualsiasi condizione di visibilità. Sarà in grado di allertare la centrale operativa dell’imminente crollo. I glaciologi hanno calcolato che la massa in bilico che potrebbe collassare a breve è di 250 mila metri cubi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clima, il nuovo ambientalismo per me è come il pifferaio magico

next
Articolo Successivo

Ministro Fioramonti, ecco cosa può fare per appoggiare davvero la nostra lotta per il clima

next