Decine di migliaia di confezioni cosmetici e pigmenti per tatuaggi non a norma sono stati sequestrati dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute in due operazioni in Puglia ed Emilia Romagna. Il Nas di Bari, nel corso dei controlli presso un’azienda pugliese, ha rinvenuto 40mila confezioni di cosmetici privi di registrazione sul portale europeo necessaria per la loro commercializzazione. I prodotti, che hanno un valore di circa 150 mila euro, sono stati posti sotto sequestro amministrativo e contestualmente elevate contravvenzioni al titolare dell’azienda per migliaia di euro.

Il Nas di Parma, invece, dopo un’ispezione all’interno di un’attività commerciale nella provincia di Piacenza, ha rinvenuto numerose confezioni di pigmenti per tatuaggi privi di etichettatura delle avvertenze in lingua italiana e quindi in violazione del codice del consumo. Le sostanze coloranti, ammontanti a un valore di svariate migliaia di euro, sono state sottoposte a sequestro amministrativo e al responsabile dell’attività è stata comminata una sanzione amministrativa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanità, Nas chiudono 52 studi medici e cliniche private: usavano farmaci scaduti e non avevano i titoli professionali

next