Il gip di Roma ha disposto gli arresti domiciliari per il pusher italiano, 36enne, finito in carcere nell’ambito dell’inchiesta sulla morte di Desirée Mariottini. Una decisione presa al termine di un interrogatorio svolto il 3 dicembre scorso dall’indagato davanti al pm Stefano Pizza, titolare dell’indagine sull’omicidio e stupro della 16enne trovata priva di vita il 19 ottobre scorso in uno stabile abbandonato nel quartiere San Lorenzo.

L’uomo, difeso dall’avvocato Gabriele Galeazzi, è accusato di cessione di sostanza stupefacente e secondo alcune testimonianze è colui che riforniva di psicofarmaci, in cambio di droga, i frequentatori dell’immobile di via dei Lucani. Il suo fermo era stato convalidato, ma era caduta l’aggravante della cessione a minore.In questa vicenda sono coinvolte altre quattro persone, tutti stranieri e al momento in carcere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ustica, Cassazione: “Ministeri della Difesa e delle Infrastrutture risarciscano Itavia. Appello decida se bastano 265 milioni”

prev
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, un carabiniere conferma in aula: “Le note sulla sua salute furono modificate per ordine del maggiore”

next