Quasi 700 chili di cocaina sono stati scoperti e sequestrati nel vicentino all’interno di un container di pellami destinato ad un’azienda di Zermeghedo. È stato il titolare della ditta, assolutamente estraneo al traffico, a fare l’incredibile scoperta, avvisando subito i carabinieri.

Il maxi carico di droga sarebbe giunto per errore nell’azienda vicentina, forse per uno scambio di contanier nella fase della spedizione. Sono in corso indagini per cercare di trovare una pista che possa condurre all’organizzazione criminale che gestiva il traffico. La cocaina nascosta tra le pelli, per l’esattezza 690 chili, avrebbe un valore di diverse decine di milioni di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

San Ferdinando, 18enne del Gambia muore carbonizzato nella tendopoli. Fuggiva dallo Sprar smantellato da dl Sicurezza

next
Articolo Successivo

Cagliari, crolla palazzina disabitata: uomo “avvertito” e salvato dal cane

next