I robot umanoidi hanno la capacità di plasmare le nostre idee e perfino la concezione stessa della vita: per questo rientrano nella nuova categoria delle “macchine allusive”, ovvero una classe di tecnologie capaci di spingerci in modo naturale e quasi impercettibile ad allargare i nostri orizzonti e sviluppare nuove credenze, perfino a riconsiderare il concetto di vita al di là dei tradizionali confini biologici. A indicarlo è uno studio della IT University of Copenhagen, presentato a Oslo in occasione della conferenza sull’interazione uomo-computer NordiCHI 2018.

I ricercatori hanno lavorato per cinque mesi nel laboratorio giapponese dove è nato il robot umanoide Alter, famoso in tutto il mondo per le sembianze e i movimenti estremamente naturali, che lo fanno sembrare quasi vivo nonostante abbia testa e braccia collegate a un tronco fatto di circuiti e fili a vista. Esaminando le sue interazioni con gli umani (ovvero i suoi sviluppatori e le persone del pubblico a cui viene spesso presentato), è emerso che Alter è in grado di modificare il loro modo di concepire la vita e le qualità che definiscono ciò che è vivente.

“L’interazione con il robot, che non è una forma di vita biologica, ci spinge ad allargare i nostri orizzonti e a sviluppare nuove concezioni”, commenta Antonio Frisoli, del laboratorio di robotica percettiva della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Non è la prima volta che la tecnologia cambia il nostro modo di pensare: “E’ il caso ad esempio dei videogame e soprattutto della realtà virtuale, che può farci vivere esperienze che ci toccano nel profondo anche a scopo terapeutico, ad esempio per cancellare un trauma o una fobia”. Per il momento l’impatto dei robot sulla nostra mente non è ancora così evidente “perché sono ancora confinati ai laboratori di ricerca – sottolinea Frisoli -. Ma dobbiamo iniziare a pensare a quello che accadrà in futuro, ad esempio quando gli anziani saranno assistiti da robot badanti: dobbiamo ancora capire che tipo di rapporto instaureranno con queste entità dotate di comportamenti autonomi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Civiltà aliene, così la matematica calcola la possibilità della loro esistenza oltre il Sistema solare

next
Articolo Successivo

Ecco il più grande telescopio per raggi gamma al mondo: studierà l’universo violento

next