È la Chimica verde a vincire del Nobel per la Chimica 2018. L’Accademia di Svezia ha premiato la scoperta dei ‘registi dell’evoluzione’, come gli enzimi alla base di reazioni chimiche vitali, e con essa le numerose ricadute positive per tecnologie e processi di trasformazione amici dell’ambiente. Gli scienziati premiati sono gli statuninesi Frances H. Arnold e George P. Smith e il britannico Gregory P. Winter.

 


Una metà del premio è assegnata alla Arnold per le sue ricerche, che hanno permesso di ottenere il controllo degli enzimi, e l’altra metà è divisa fra George P. Smith e Sir Gregory P. Winter per le ricerche condotte sulla genetica dei batteriofagi e sugli anticorpi. Le ricerche di Arnold sono cominciate alla fine degli anni ’70, quando  era impegnata nelle ricerche sulle allora nuove tecnologie per l’energia solare e, lungo questa strada, decise di concentrare l’attenzione sugli enzimi, ossia sugli strumenti che l’evoluzione utilizza naturalmente per guidare e modificare la vita sulla Terra. Negli anni successivi le sue ricerche hanno dimostrato la possibilità di controllare e manipolare gli enzimi. Grazie a quelle tecniche oggi gli enzimi sono largamente utilizzati nella produzione di biocarburanti e farmaci, dagli anticorpi ad alcuni antitumorali. Smith ha invece lavorato sui batteriofagi, ossia sui virus che infettano i batteri, trasformandoli in fabbriche di proteine. Wilson ha utilizzato le ricerche di Smith per controllare l’evoluzione degli anticorpi, in modo da ritagliarli ‘su misurà per svolgere determinate funzioni. Nel 2002 il primo anticorpo ottenuto con questa tecnica, chiamato adalimumab, è stato approvato per la terapia dell’artrite reumatoide.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sla, così un microscopio ha “visto” all’interno delle cellule nervose l’origine della malattia

prev
Articolo Successivo

Neanderthal, scoperti a Trieste e ad Anagni dei denti fossili risalenti a 450mila anni fa

next