Quali segreti nasconde Giuseppe Graviano, protagonista delle stragi di mafia del ’92 e ’93? Il boss di Brancaccio, rinchiuso al 41 bis dal 1994, si è sempre avvalso della facoltà di non rispondere. Eppure, nei colloqui in carcere con un altro detenuto, intercettati tra il 2016 e il 2017, sembra avere molto da dire su quella stagione e sulla trattativa tra lo Stato e la mafia. Nel terzo episodio di “Sekret – Speciale Trattativa Stato-mafia”, disponibile in esclusiva su iloft.it .

Marco Lillo fa ascoltare per la prima volta le parole minacciose di Giuseppe Graviano verso ‘Il traditore’. Il boss- secondo i giudici del processo Trattativa – si riferisce a Silvio Berlusconi. Sekret per la prima volta svela il tentativo di inviare un messaggio ricattatorio dal carcere a qualcuno che, per i pm di Palermo, è Berlusconi.

Nelle conversazioni che vi mostriamo per la prima volta Graviano dice che il leader di Forza Italia ha firmato nel 2013 i referendum radicali sulla giustizia dopo che lui aveva scritto una lettera in cui diceva di non voler morire in galera.
Per i magistrati di Palermo proprio a Berlusconi si riferisce Graviano quando parla di qualcuno che non ha rispettato i patti, una persona con la quale trent’anni fa avrebbe “mangiato e bevuto insieme”, a cui avrebbe portato “benessere” ma che poi lo avrebbe tradito. E secondo i pm che indagano sulla Trattativa, il boss starebbe parlando di Silvio Berlusconi, accusato di non aver abolito il 41 bis, il regime di carcere duro per i mafiosi.Ciascuno si potrà fare un’idea ascoltando i passaggi più importanti delle conversazioni registrate dalla procura di Palermo. La domanda chiave è: Graviano dice la verità o sta solo millantando perché consapevole di essere intercettato? Il tema è un tabù per la stampa e la tv. Nessuno ne parla. Eppure è un tema importante per capire cosa è accaduto negli anni Novanta tra stragi e nascita della Seconda repubblica.Sekret ha intervistato i protagonisti per cercare risposte anche attraverso la voce dell’accusa e della difesa del processo Trattativa Stato-mafia. Perché la sentenza di primo grado della Corte di assise del 20 aprile 2018 è solo un punto di partenza per arrivare alla verità.

Tutte le puntate in esclusiva per gli abbonati su www.iloft.it 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Precedente

‘L’Orizzonte lontano’, su Loft da domani il primo video-reportage di Alessandro Di Battista. Diretta Facebook alle 16

next
Articolo Successivo

L’Orizzonte lontano, su Loft il secondo video-reportage di Alessandro Di Battista: “I messicani spariti nel deserto di Sonora”

next