Ci sono mezzi che definire di “trasporto” è riduttivo. Come l’Ape Calessino, che senza dubbio è un pezzo di storia sospeso tra passato e presente. Nel corso degli anni, e sono esattamente 70 da quando debuttò nel 1948, sono state molte le personalizzazioni e le variazioni sul tema, al punto da poterlo considerare come uno dei veicoli più “customizzati” che esistano. L’ultima di queste interpretazioni a si deve ad Alcantara, che ne ha rivestito gli interni (sedili, capote e portiere) di materiale Tara “plasmato” in un micro-motivo declinato in tre varianti grafiche ideate dalla designer francese Inga Sempé. Non a caso questo speciale Ape Calessino tailor made è stato esposto a Parigi, davanti al pubblico del Deco Off in visita allo spazio Alcantara in Place de Furstemberg.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nissan, quando anche le pantofole si “parcheggiano” da sole – FOTO e VIDEO

prev
Articolo Successivo

Ong, Saviano contro Di Maio: “Disse che sono taxi del mare, ma adesso nega”. E linka il post del 21 aprile 2017

next