La cartella clinica con tutti i dati sanitari personali, dalle analisi del sangue ai vaccini, direttamente dall’ospedale al proprio cellulare. La novità è stata lanciata dalla Apple ed è ancora in fase test negli Stati Uniti.

Il nuovo servizio fa parte delle novità di iOS 11.3, l’aggiornamento del sistema operativo di iPhone e iPad che, tra l’altro, introdurrà anche le funzioni legate al controllo della batteria e delle prestazioni del proprio smartphone promesse dall’azienda guidata da Cupertino, dopo essere stata investita dalle polemiche per gli iPhone “rallentati” in caso di batterie non più prestanti.

La nuova funzione “sanitaria” lanciata da Apple sarà integrata nell’applicazione Salute e permetterà agli utenti di trasferire sul proprio iPhone i dati clinici direttamente da ospedali e dottori. All’iniziativa, riporta il sito del New York Times, hanno già aderito una dozzina di istituti sanitari americani. Apple sottolinea che i dati medici dei suoi utenti saranno criptati e archiviati localmente sugli smartphone, quindi nessun dato sarà accessibile alla compagnia californiana a meno che non sia l’utente a decidere di condividerli.

In arrivo anche le nuove Animoji, le icone animate sugli iPhone X e funzioni più avanzate per la realtà aumentata. La versione 11.3 di iOS è disponibile dal 24 gennaio per gli sviluppatori, mentre per tutti gli utenti arriverà in primavera.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Overwatch League: le ragioni di un successo annunciato

prev
Articolo Successivo

Lavoro, siete al computer fino a 16 ore al giorno? Potreste ammalarvi di tecnostress

next