“Lo Stato vuole che continuiate a fumare”. Una ricarica d’acqua costerà più del doppio di un pacchetto. Governo e Parlamento si sono piegati alle ragioni del ministero dell’Economia e alle multinazionali del tabacco che vogliono dare il colpo finale al settore della sigaretta elettronica. Risultato: sono seriamente a rischio decine di aziende, migliaia di negozi e 30mila posti di lavoro. L’intero mondo dello svaping rischia di saltare, senza alcuna cura per i benefici che porta ai cittadini in termini di salute”. Sono una furia i fratelli Giorgetti, titolari della prima azienda di liquidi aromatizzati per vaporizzatori personali prodotti e confezionati in Italia. Sono partiti con un capitale da 100mila euro, ora sono i leader di un comparto esploso a livello di numeri che vive da tre anni sulle molle di un assetto normativo e fiscale incerto e  in continua evoluzione, culminato in ultimo con un emendamento alla Legge di bilancio che assimila tutti i liquidi con o senza nicotina l’imposizione fiscale ai tabacchi, cancella qualsiasi ipotesi di sconto sul debito pregresso con l’Erario delle aziende. Di un “poker devastante” parlano le associazioni di categoria (Anafe e UnieCig). “Lo Stato ha deciso che dovete continuare a fumare”, dice Gianluca Giorgetti  mostrando una confezione di liquido: “Decidendo di tassare anche l’acqua e gli aromi naturali il prezzo al consumo schizza ben oltre il pacchetto. Così se all’estero lo svaping è riconosciuto e incentivato come strumento di riduzione del danno da fumo in Italia è visto solo come un mezzo per rimpinguare le casse dello Stato”. L’imprenditore lo dice a ragion veduta: dopo un lungo contenzioso sull’imposizione, mosso da varie aziende che saranno difese in Europa dall’ex ministro Giulio Tremonti, si è visto recapitare una cartella esattoriale da oltre 4,4 milioni di euro relativa al 2014. La pretesa dell’Agenzia dei monopoli (Aams) è conseguente all’adeguamento delle accise sul fumo elettronico che le aziende avevano applicato in modo ridotto al prezzo di vendita, confidando che i loro ricorsi avrebbero fatto saltare la loro equiparazione alle imposte sui tabacchi. “Ma quell’anno abbiamo fatturato poco più di un milione, è assurdo”, dice Giorgetti. “Se è così portiamo i libri in tribunale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Di Maio e lo scouting tra imprenditori del Nord: ‘Uno non vale l’altro’. E annuncia: ‘Noi faremo il ministero del Turismo’

next
Articolo Successivo

Etruria, Renzi: “Boschi? Caccia alla donna. No al passo indietro, decideranno elettori”. Lei inaugura la difesa semantica

next