Hanno controllato i sistemi antinquinamento della raffineria e fatto un sopralluogo all’interno dello stabilimento. Una dozzina di agenti forestali, inviati dalla procura di Cagliari, giovedì sera si è presentata davanti ai cancelli della raffineria Saras a Sarroch per eseguire un decreto di ispezione firmato dal sostituto procuratore Enrico Lussu.

Da maggio, infatti, il pm cagliaritano ha aperto una inchiesta dopo l’esposto di un gruppo ambientalista che ha denunciato una serie di episodi chiedendo alla magistratura di verificare se ci sia stato inquinamento nell’area.

Nelle mani del magistrato c’è anche un video anonimo, pubblicato su Facebook per meno di un’ora e poi rimosso, nel quale viene ripreso lo sversamento di un liquido scuro in mare. La stessa Saras, sempre giovedì, ha diffuso comunque un nota precisando che si sarebbe trattato di alghe spostate sul fondale dello specchio d’acqua antistante la raffineria.

L’inchiesta sta andando avanti, affidata agli uomini del Corpo forestale della Regione guidati da commissario Fabrizio Madeddu. Nulla al momento è filtrato in merito all’esito dell’ispezione: nelle prossime ore una relazione verrà consegnata al magistrato che mantiene il massimo riserbo sulle indagini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rifiuti Roma, Cerroni vuole altre garanzie da Ama: contratto decennale e 20 milioni di arretrati. L’alternativa? Impianti chiusi

next
Articolo Successivo

Abruzzo, dagli incendi alle infrastrutture: vivi ogni giorno come fosse un’emergenza

next