Uno scontro a colpi di post e tweet tra Roberto Saviano e Matteo Salvini. A innescare la polemica tra lo scrittore e giornalista e il segretario della Lega le molestie subite da un’operatrice da parte di un migrante nigeriano in un centro di accoglienza nel Napoletano. In un primo momento la notizia diffusa era stata quella di una violenza sessuale. Il numero uno del Carroccio, come nella tradizione leghista, aveva chiesto tramite un tweet la castrazione chimica.

Tre ore dopo, intorno alle 14, Saviano in lungo post su Facebook, citando i dati Istat sulle violenze sessuali, perlopiù commesse da italiani ai danni di donne straniere aveva chiuso il suo intervento così: “Ma come osa seminare odio in un momento storico tanto difficile? Oggi più che mai mantenere tranquillità e sedare l’odio razziale è un dovere. Lei è un irresponsabile e io la disprezzo”.

La risposta di Salvini non si è fatta attendere e in un nuovo tweet ha accusato lo scrittore di buonismo: Il disprezzo del signor roberto saviano per me è una medaglia”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, “in Italia l’accoglienza è un investimento a perdere”. Così una struttura modello risponde al piano del governo

prev
Articolo Successivo

Terremoto Centro Italia, non voleva lasciare paese: arrestato e poi rilasciato ultimo abitante di Pescara del Tronto

next