Dietro a ciò che mangiamo ogni giorno in tavola, spesso si nascondono fenomeni come il caporalato, braccianti sfruttati e pagati a cottimo, mancanza di trasparenza nella filiera produttiva. E’ quanto emerge dalla campagna Filiera Sporca, promossa dalle associazioni Terra! Onlus, daSud e dal portale di inchieste Terrelibere.org. Dopo i primi due rapporti incentrati sul mercato delle arance, ieri sera al Teatro Ambra alla Garbatella di Roma, è stato presentato lo spettacolo “Mercante in Filiera“, come anticipazione del terzo rapporto della campagna, dal titolo “Spolpati”, sulle storture nella produzione del pomodoro. La serata è stata l’occasione per parlare anche della legge sul caporalato approvata dal governo Renzi che “rappresenta un primo passo avanti per contrastare questo fenomeno – ha spiegato Fabio Ciconte, direttore dell’associazione Terra – ma oltre alle misure repressive servono quelle preventive. Noi proponiamo, ‘l’etichetta narrante’, che dia ai consumatori tutte le informazioni necessarie dalla produzione alla vendita dei prodotti che si acquistano, in modo tale che si sappia quali sono quelli liberi dal caporalato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Piacenza, 3 facchini all’ospedale per aggressione denunciano titolare coop: “Calci e pugni per non pagarci”

prev
Articolo Successivo

Idonei, governo: “Proroga graduatorie fino a fine 2017”. Comitati: “Non basta, due anni persi con blocco turn over”

next