Una foto di 150 metri quadrati della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon e la scritta “mai più”. Così martedì mattina gli attivisti di Greenpeace hanno manifestato, alla Galleria Umberto I di Napoli, il loro dissenso al referendum sulle trivelle del prossimo 17 aprile, invitando i passanti a votare per il “sì”. Il loro ricordo è andato all’incidente petrolifero della British Petroleum nel Golfo del Messico, che nel 2010 ha provocato il più grande disastro ambientale della storia americana.

“Quel disastro – ha detto Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace – avrebbe dovuto rappresentare un monito globale e definitivo sui rischi connessi all’estrazione di idrocarburi in mare. A distanza di soli sei anni da quella tragedia, invece, in Italia il governo Renzi ha ripetutamente tentato di avviare un piano di vasta scala per lo sfruttamento delle misere riserve di petrolio e gas presenti sotto i nostri fondali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

DMZ, nella zona cuscinetto tra le due Coree dove la natura prospera

next
Articolo Successivo

Referendum trivelle, non voto mai. Ma stavolta voterò Sì

next