Nelle stazioni di servizio bulgare viene venduto agli automobilisti carburante fornito dallo Stato islamico. A scriverlo in prima pagina è Trud, un quotidiano della capitale Sofia, che ha citato fonti della dogana. Sempre secondo il giornale locale, i servizi segreti russi e statunitensi hanno fornito alla Bulgaria immagini satellitari che dimostrano le forniture della benzina di contrabbando.

Da alcuni giorni si stanno svolgendo controlli approfonditi nei distributori di carburante in tutto il Paese. Il servizio di sicurezza bulgaro (Dans) però non ha voluto commentare la notizia pubblicata dal quotidiano. Inoltre, secondo quanto si legge su Trud, il petrolio dell’Isis verrebbe caricato su petroliere in Turchia per poi essere trasportato illegalmente in Grecia e venduto infine in Bulgaria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giulio Regeni, Reuters: “Torturato più volte in 7 giorni a intervalli di 10-14 ore”

prev
Articolo Successivo

Brasile, arrestato il n.2 di Facebook America Latina: “Non ha consentito alla polizia di accedere a WhatsApp”

next